IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio

Biblioteche Provinciali, polo unico ma stesse sedi

Nessuna paura. Le biblioteche provinciali resteranno  nelle proprie sedi,  ma verranno messe a sistema, al fine di ottimizzare risorse, interventi e cooperazione e dare piena attuazione a tutti i compiti che le varie normative affidano alle biblioteche pubbliche. E’ quanto afferma il vicepresidente della Giunta regionale, Giovanni Lolli, chiarendo il concetto di “polo unico” e smentendo la notizia della costituzione di un’unica biblioteca regionale. Le quattro biblioteche provinciali sulle quali si muoverà il futuro sistema regionale sono: la biblioteca “Angelo Camillo De Meis” di Chieti, la biblioteca “Salvatore Tommasi” dell’Aquila, la biblioteca “Gabriele D’Annunzio” di Pescara e la biblioteca “Melchiorre Delfico” di Teramo. “Per Sistema bibliotecario – chiarisce il Vicepresidente – s’intende, quindi, il coordinamento dei servizi di più biblioteche dotate di specifico patrimonio librario e documentario, di amministrazione autonoma e di personale dedicato.Un’impostazione di questo genere – prosegue Lolli – riconosce e valorizza l’identità storica, culturale, bibliografica, documentaria e civile delle quattro biblioteche provinciali”. Ma il Sistema coinvolgerà anche tutte le altre Biblioteche aventi sede nel territorio regionale e appartenenti ai Comuni e ad altre istituzioni pubbliche e private. sulla base di specifiche convenzioni con la Regione. “Il Sistema – conclude Lolli – partecipa al Servizio bibliotecario nazionale (Sbn) attraverso la costituzione di un unico polo teso all’uniformità, alla razionalizzazione ed alla economicità dei servizi”.