IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio

Inchiesta “Earthquake”, Melchiorre non risponde

Inchiesta “Earthquake” : si è avvalso della facoltà di non rispondere e si è dimesso da tutti gli incarichi Angelo Melchiorre, 61 anni, uno dei sei arrestati nell’ambito dell’inchiesta relativa ad un presunto sistema di tangenti nell’ambito della ricostruzione post-sisma in alcuni Comuni del Pescarese e dell’Aquilano. Gli interrogatori, in corso presso il tribunale di Pescara, sono iniziati alle 10.30 davanti al gip Gianluca Sarandrea, i pm Anna Rita Mantini e Mirvana Di Serio. Il primo a entrare, accompagnato dall’avvocato Lino Sciambra, è stato proprio Melchiorre, indagato in qualità di responsabile tecnico del Comune di Bussi sul Tirino (Pescara) e dell’Ufficio territoriale per la ricostruzione numero 5. “Il mio assistito – ha detto Sciambra – non ha risposto, solo perché non abbiamo ancora ricevuto le copie degli atti. Subito dopo saremo noi a chiedere di essere interrogati, per chiarire ogni cosa”. Il legale ha poi annunciato le dimissioni dagli incarichi da parte del suo assistito.
“Melchiorre si è dimesso da responsabile tecnico del Comune e da responsabile dell’Utr numero 5, perché – ha spiegato il legale – la sua attuale posizione impedirebbe agli uffici di proseguire il proprio lavoro. Abbiamo chiesto la revoca degli arresti domiciliari poiché i fatti contestati si riferiscono agli anni 2010, 2012 e 2013, e anche alla luce delle dimissioni di oggi decade il rischio di inquinamento delle prove o di reiterazione del reato”. Saranno ascoltati a breve gli altri arrestati, accusati a vario titolo, insieme a Melchiorre, di associazione a delinquere, corruzione, concussione, turbativa d’asta, falso in atto pubblico e induzione indebita a dare o promettere: Emilio Di Carlo, 54 anni, in qualità di direttore dei lavori e progettista degli aggregati 43 e 45 del Comune di Bussi; Marino Scancella 65, in qualità di architetto incaricato della progettazione dell’aggregato 30 del Comune di Bussi; l’imprenditore Stefano Roscini 49; l’ex colonnello dell’esercito Giampiero Piccotti 80; il tecnico ed ex consigliere comunale di Gubbio Angelo Riccardini 55.