IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio

Via Garibaldi bloccata da un cantiere a sorpresa

La convivenza tra attività commerciali e cantieri è complicata. Questa volta ad essere vittima della tanto attesa ricostruzione è Via Garibaldi, sinonimo di movida aquilana del dopo sisma.
14570411_10210709119425963_6114188824890504506_nUn cantiere è spuntato nel mezzo della via e a quanto pare senza preavviso alcuno. Mezzi pesanti, operai e transenne si sono posizionati sulla strada bloccandola interamente. C’è un’unica via d’accesso, che è quella all’incrocio con il corso. E proprio lì, come potete vedere dalle foto, ruspe, camion e transenne impediscono il passaggio. A denunciare il fatto Daniele Di Fabio, uno dei gestori del Public Enemy: “Cantiere a sorpresa in totale insicurezza, persone a piedi che passano tra le ruspe, operai senza casco. Via Garibaldi è chiusa e non è colpa di nessuno. Benvenuti a L’Aquila!” 

 

“Stasera alle 19 sono ancora previsti i lavori e quindi la chiusura di via Garibaldi” – dichiara Di Fabio al Capoluogo.
La rabbia è legata soprattutto alla mancata programmazione e al mancato avviso. “Nessuno sapeva nulla! Alle 19.30 sono arrivati ed hanno chiuso la strada. Abbiamo avuto notizie solo dagli operai che ci hanno detto che i lavori sono previsti fino a mercoledì. E poi probabilmente riprenderanno anche la prossima settimana”.

Non era previsto, come invece 14720474_10210709119665969_7870695525469990254_navviene per il tunnel intelligente che è partito qualche giorno fa dai Quattro Cantoni e arriverà all’incrocio di Via Garibaldi nel mese di Dicembre.
“Noi siamo aperti solo di sera perché di giorno – giustamente- va avanti la ricostruzione”- ci tiene a precisare Di Fabio. “Il problema non è solo la sorpresa è anche l’inverosimile disorganizzazione. Un lavoro che poteva essere fatto lasciando un ampio passaggio pedonale. Bastava usare buon senso, professionalità ed intelligenza”. (FM)

LEGGI: Commercianti: E’ come se non fossimo mai esistiti! —- L’urlo dei commercianti del centro