IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio

Io non rischio nelle piazze

Che cosa fare in caso di incendio, di terremoto o di rischio idrogeologico? Dove andare? Quali sono gli aiuti immediati che si possono ottenere? Chi bisogna contattare? A queste domande risponde la campagna nazionale “Io non rischio” promossa dalla Protezione Civile Nazionale a cui ha aderito il Comune dell’Aquila. La campagna è stata presentata oggi dal consigliere Giuliano Di Nicola, titolare della delega alla  Protezione Civile, nel corso di una conferenza stampa. Il 15 e il 16 ottobre, per tutta la giornata,  in cinque piazze del Comune dell’Aquila sarà possibile ricevere risposte, informazioni e materiali divulgativi. L’obiettivo principale è quello di promuovere il ruolo attivo dei cittadini nella prevenzione e nella riduzione del rischio. Attori principali saranno i volontari di protezione civile  presenti,  con le loro associazioni, nei vari punti informativi allestiti: Piazza di Coppito  (in caso di pioggia Murata Gigotti); Centro Commerciale L’Aquilone; Map Sant’Angelo di Tempera; Piazza Duomo (in caso di pioggia Centro Commerciale Il Globo); Piazza Battaglione Alpini. La campagna sarà affiancata da un’opera di divulgazione del Piano di Protezione Civile del Comune dell’Aquila, attraverso  i consigli territoriali di partecipazione. Il primo appuntamento è previsto per venerdì 14 ottobre a Paganica (Villa Comunale, ore 18.00).Verranno illustrate le otto sezioni del Piano, corrispondenti alle varie tipologie di rischio, legate alla specificità dei territori: dal  rischio idrogeologico ed idraulico agli incendi boschivi, dai problemi legati alla neve e il ghiaccio alle valanghe, dal rischio per eventi a rilevante impatto locale ad  una “specifica” per il Centro Storico della Città dell’Aquila, catalogato in parte ancora come “zona rossa” e, ovviamente, al rischio sismico. ” Si tratta  di un intervento di grande importanza – afferma Di Nicola – già sperimentato nelle scuole elementari della città, che ha consentito di avvicinare oltre 500 bambini. Diffondere una corretta cultura di prevenzione dai rischi naturali significa  aumentare la consapevolezza tra i cittadini, dando loro, in modo semplice, informazioni e consigli utili, corretti e facilmente applicabili”.