IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio

Truffa per non pagare tasse, sequestrati 470mila euro

I finanzieri del Nucleo di Polizia Tributaria della Guardia di Finanza di L’Aquila hanno eseguito un sequestro di beni immobili per un valore di 470.000 euro emesso dalla locale A.G. nei confronti di tre soggetti responsabili, a vario titolo, del reato di sottrazione fraudolenta al pagamento delle imposte.

La misura cautelare appena eseguita giunge al termine di complesse indagini di P.G. svolte dai finanzieri del capoluogo abruzzese delegati dalla Procura della Repubblica di L’Aquila a seguito di alcuni avvisi di accertamento emessi dall’Agenzia delle Entrate nei confronti di una società edile rappresentata da un noto imprenditore aquilano.

Nel corso delle indagini, gli investigatori delle fiamme gialle appuravano che a seguito dell’emissione degli atti di accertamento, al fine di vanificare le pretese erariali, la società di costruzioni si era spogliata, per mano del legale rappresentante ed in concorso con la ex consorte e con il socio di maggioranza, di parte dei beni aziendali attraverso operazioni simulate.

Più in particolare, gli asset aziendali erano stati trasferiti alla nuova compagna dell’imprenditore in forza di un titolo di credito artatamente creato in capo a quest’ultima, per il cui soddisfacimento la donna aveva chiesto ed ottenuto un decreto ingiuntivo nei confronti della società; con l’esecuzione di tale provvedimento la donna era entrata così legittimamente in possesso dei predetti asset aziendali conferendoli, subito dopo, nel patrimonio di un trust amministrato dallo stesso imprenditore edile. La descritta manovra elusiva aveva quindi reso inefficace la procedura di riscossione coattiva delle imposte.

Le investigazioni condotte dai finanzieri hanno però consentito di disvelare la natura simulatoria del trust, costituito lo stesso giorno di effettuazione del trasferimento a suo favore dei predetti cespiti aziendali e sotto la direzione occulta dell’imprenditore.

I militari del Nucleo PT, informata la locale autorità giudiziaria, hanno così ottenuto il decreto di sequestro dei beni immobili illecitamente trasferiti, per un valore di 470.000 euro.

Il contrasto alle condotte fraudolente poste in essere dai contribuenti disonesti costituisce da sempre una delle priorità per la Guardia di Finanza che, anche attraverso forme sempre più virtuose di collaborazione con gli uffici giudiziari e finanziari, è costantemente protesa a contrastare gli effetti negativi causati all’economia dall’evasione fiscale.