IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio

Sanità, Abruzzo ufficialmente fuori dal commissariamento

Il Consiglio dei Ministri ha deliberato l’uscita dell’Abruzzo dal regime commissariale della sanità.

E’ la prima Regione italiana – tra quelle commissariate – ad aver concluso la procedura. Gia’ in mattinata la Conferenza delle Regioni e delle Province autonome aveva dato parere favorevole all’uscita dal commissariamento. “E’ un risultato che ci riempie d’orgoglio – commenta l’assessore alla programmazione sanitaria Silvio Paolucci – frutto di un lungo lavoro, che negli ultimi due anni ha visto questa amministrazione regionale lavorare senza sosta per restituire agli abruzzesi la gestione della sanità. E un ringraziamento va al presidente Luciano D’Alfonso e alla struttura commissariale per la fiducia che hanno riposto in me. Oltre, naturalmente, al prezioso lavoro di accompagnamento, indirizzo e monitoraggio reso dai ministri dell’economia, delle finanze e della salute, e delle strutture tecniche competenti. Ci sono stati momenti difficili, ma tutte le scelte che sono state prese, avevano l’unico obiettivo di migliorare la qualità dell’offerta sanitaria ai nostri utenti”. Ma quali sono stati i fattori principali che hanno portato alla fine del commissariamento? Tra il 2014 e il 2016, l’assessorato regionale alla sanità ha collaborato con la struttura commissariale, operando principalmente su 5 ambiti di intervento: la programmazione sanitaria, la riorganizzazione delle reti del servizio sanitario regionale, la definizione dei percorsi assistenziali, l’aspetto economico-finanziario, il miglioramento dei livelli essenziali di assistenza (i Lea). Per quanto riguarda la programmazione sanitaria, negli ultimi tre anni, oltre al piano di riqualificazione del sistema sanitario regionale (che ridisegna completamente l’architettura dell’organizzazione abruzzese), la Regione ha approvato il piano di prevenzione 2014-2018, i protocolli Sten e Stam, oltre all’istituzione del registro regionale dei tumori. Accanto a questi strumenti, sono state varate misure che hanno contribuito al miglioramento della gestione, come la dematerializzazione delle prescrizioni farmaceutiche, il contenimento della spesa per il personale, l’erogazione dei farmaci “off label” per le malattie rare. Sul fronte della riorganizzazione delle reti, l’Abruzzo e’ stata la prima Regione a varare il riordino della rete ospedaliera secondo le prescrizioni del DM 70/2015 (il decreto “Lorenzin”). Un atto che era stato preceduto dalla rimodulazione dei punti nascita, dalla riorganizzazione della rete dei servizi territoriali, di quella della salute mentale e dell’emergenza-urgenza. “Sono stati punti – continua Paolucci – su cui lo scontro politico e’ stato duro, ma oggi possiamo dire con certezza che riconsegniamo all’Abruzzo una sanità che puo’ competere con gli standard di quelle Regioni italiane, da sempre considerate esempi da seguire e imitare”. Fino a poco tempo fa, in Abruzzo mancavano percorsi diagnostici definiti, rispetto ai quali i cittadini-utenti non conoscevano punti d’accesso e modalita’ di assistenza. Oggi questa tendenza e’ stata invertita e sono gia’ stati approvati, tra gli altri, i percorsi diagnostici terapeutici assistenziali per il diabete, per le malattie infiammatorie croniche dell’intestino e per il tumore del colon retto. Un particolare impegno e’ stato riservato, naturalmente, ai conti della sanità: i Ministeri delle Finanze e della Salute hanno certificato che il sistema sanitario abruzzese e” in equilibrio. Nel 2014 e nel 2015, sono stati destinati al ripiano totale delle perdite pregresse delle Asl, oltre 415 milioni di euro e sono stati contestualmente migliorati i tempi di pagamento dei fornitori. Gli ultimi due dati salienti riguardano il punteggio dei Lea, passato da 145 del 2012 a 163 del 2014, e la riduzione dell’inappropriatezza dei ricoveri, scesa al 14 per cento del 2015, a fronte del 25 per cento del 2012. “Ora si apre una nuova fase – conclude Paolucci – che ci vedra’ impegnati su nuove e altrettanto importanti sfide. Non posso, pero”, oggi non ringraziare tutti i cittadini abruzzesi e gli operatori del mondo della sanita’. E, infine, ma non ultimi, i dipendenti dell’assessorato regionale alla sanita’ e dell’Agenzia sanitaria regionale, che hanno lavorato con passione e dedizione, nel rispondere efficacemente alle tante prescrizioni che in questi anni ci arrivavano da Roma”.