IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio

Montereale, al via la bonifica dell’amianto

di  Nando Giammarini

Un vecchio detto recita: l’unione fa la forza. E’ proprio sulla base di questo motto che dall’elezione di Pierpaolo Pietrucci – originario lo rivendichiamo con orgoglio di Cesaproba di Montereale, a Consigliere regionale del Pd – è iniziata una proficua collaborazione con l’Amministrazione Comunale di Montereale guidata dal Sindaco Massimiliano Giorgi volta a risolvere “l’annoso e spinoso” problema amianto .

La stessa ha dato i suoi, sperati, frutti.

amianto montereale

Un percorso lungo e talvolta tortuoso ma quando c’è volontà il gruppo si riunisce e diventa coeso dando il meglio di se stesso, forte della profonda convinzione che lo anima. Le grandi capacità di dialogo e di confronto ben si sposano con le finalità che si debbono raggiungere e tutti danno il meglio di se stessi per centrare l’obiettivo. Eccoci arrivati al grandioso risultato, atteso da lunghissimi 45 anni, dello smantellamento dell’amianto delle ex fornaci Di Carlantonio nella piana di Montereale.

E’, davvero, la fase conclusiva di un processo di rilevanza storica e di primaria importanza per quel che concerne le condizioni di vita e di salute delle popolazioni locali e limitrofe. Penso a Montereale, Capitignano, Campotosto ma più in generale all’Alta Valle dell’Aterno in quanto il vento trasporta facilmente le polveri delle lastre di amianto in decomposizione recando danni irreparabili alla salute dei cittadini. Non credo quindi di esagerare se parlo e scrivo della risoluzione di una questione di rilevanza epocale.

Ad onor del vero il problema è stato affrontato più volte, con decisione e coraggio, dall’Amministrazione Giorgi che lo aveva messo tra i prioritari da risolvere. A tal fine con l’intervento del consigliere Pietrucci, che più volte aveva definito una vera e propria bomba ad orologeria la questione amianto a Montereale , era stato effettuato, lo scorso 15 giugno 2015 un sopralluogo in loco dal presidente della Regione Abruzzo, on. Luciano d’Alfonso, l’ Assessore all’Ambiente Mario Mazzocca e l’intera Giunta di Montereale. Il 12 dicembre dello stesso anno si tenne nella sede della Pro Loco un incontro dell’ O.N.A. onlus (Organizzazione nazionale amianto) fatta propria dal Comune di Montereale in collaborazione con gli altri dell’Alta Valle dell’Aterno – Pizzoli, Barete, Cagnano Amiterno, Capitignano, Campotosto più Torninparte e Scoppito – moderato dalla dott.ssa Valentina Renzopaoli. Alla stessa parteciparono : Massimiliano Giorgi, Sindaco di Montereale; Massimo Cialente, Sindaco dell’Aquila; Giovanni Lolli, Vicepresidente Regione Abruzzo; Pierpaolo Pietrucci, consigliere Regionale in quota Pd e presidente della seconda Commissione Territorio e Ambiente; Ezio Bonanni, Presidente ONA ( Osservatorio Nazionale Amianto); Architetto comitato scientifico O.N.A.; Mario Mazzocca Sottosegretario Presidenza del Consiglio Regione Abruzzo; Domenico Pompei, Direttore Spresal/Spsal Asl 1 Abruzzo; Massimo Lombardo, consulente Ambientale; Maurizio Ortu, Presidente OMC; la Provincia dell’Aquila; Elio Masciovecchio, Presidente ordine degli ingegneri dell’Aquila e provincia; Isidoro G. Lesci, docente Università di Bologna e studioso di problematiche ambientali; Guido Liris, Vicepresidente Regionale di F.I.; Emilio Iamperi Consigliere Regionale di Forza Italia; Paolo Federico, consigliere provinciale di F.I.; On. Stefania Pezzopane, Senatrice della Repubblica, membro del Gruppo Pd e Vicepresidente della Giunta delle Elezioni e delle Immunità Parlamentari.

Un convegno con grande partecipazione di pubblico a dimostrazione di quanto il problema fosse sentito dalla gente che innescò segnali di attenzione e risoluzione ad un territorio bistrattato per troppo tempo, la cui forza disgregante, ed a volte folle di alcuni suoi abitanti, senza umanità e senza cuore, aveva inferto precedentemente colpi mortali. Ne è passata di acqua sotto i ponti da quel convegno; gli abili tessitori hanno continuato a lavorare in silenzio ed in queste ore, rese tristi dal drammatico evento sisma, ne hanno decisa la bonifica d’urgenza.

Finalmente è giunta la bella e tanto attesa notizia dello smantellamento dell’amianto.