IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio

Perdonanza, corteo ridotto e polemiche fotogallery

di Francesca Marchi, Claudia Giannone, Eleonora Falci

Un corteo ridotto, con soli 25 figuranti, in segno di solidarietà con le popolazioni colpite dal sisma nel Centro Italia. La Porta Santa è aperta: ma non sono mancate le polemiche targate Trifuoggi.

Ripercorriamo i momenti salienti del corteo della Bolla.

Un’atmosfera particolare quella che precede la partenza del Corteo della Bolla.

Pochi figuranti, consiglieri comunali con il lutto al braccio e un pubblico contenuto. Il pensiero, lo si legge sui volti, è per i morti di Amatrice e degli altri comuni dell’Italia centrale colpiti dal terremoto del 24 Agosto.

La Perdonanza c’è, seppur in forma ridotta, e ricorda tanto quella del 2009 con una città rasa al suolo dal sisma. Amatrice come L’Aquila, sette anni dopo. Gli aquilani ci sono oggi, per pregare e per stringersi a un dolore così familiare, anche nel nome di Celestino V. Lo ha voluto il nostro sindaco, per lui questa è l’ultima Perdonanza nelle vesti di Primo Cittadino e la celebra nel segno del cordoglio e della solidarietà: tutte le spese previste per gli appuntamenti della Perdonanza saranno devolute alle popolazioni colpite dal terremoto.

perdonanza 2016: corteo del 28 agosto

I gonfaloni delle Istituzioni sono listati a lutto. Presente anche una delegazione della Giostra Cavalleresca di Sulmona, con la quale si è stretto un gemellaggio proprio quest’anno.

perdonanza 2016: corteo del 28 agosto
perdonanza 2016: corteo del 28 agosto

Alle 17 in punto parte il Corteo lungo Viale Collemaggio. Le vie del centro dovranno attendere il prossimo anno per veder sfilare i figuranti del Primo giubileo della Storia. Non ci sono sbandieratori e tamburi ad accompagnare la Dama della Bolla e il Giovin Signore. Anche il pubblico è contenuto. A portare la Bolla la Dama Eleonora Ciocca, accompagnata dal Giovin Signore Ferdinando Carluccio, entrambi preceduti dalla Dama della Croce Francesca Pancella.

Luana Masciovecchio annuncia la partenza:”Corteo anomalo e ridotto, restano intatte solo le cerimonie religiose. Chi conosce L’Aquila sa benissimo che il corteo negli anni si è arricchito fino ad arrivare ai mille figuranti. Quest’anno ne sono solo 25″

perdonanza 2016: corteo del 28 agosto
perdonanza 2016: corteo del 28 agosto
perdonanza 2016: corteo del 28 agosto
perdonanza 2016: corteo del 28 agosto
perdonanza 2016: corteo del 28 agosto
perdonanza 2016: corteo del 28 agosto
perdonanza 2016: corteo del 28 agosto
perdonanza 2016: corteo del 28 agosto
perdonanza 2016: corteo del 28 agosto
perdonanza 2016: corteo del 28 agosto
perdonanza 2016: corteo del 28 agosto
perdonanza 2016: corteo del 28 agosto
Solo pochi minuti per raggiungere il prato della Basilica di Collemaggio ancora impacchettata per i lavori del restauro. La voce accompagna l’ingresso dei figuranti che sfilano fino a raggiungere la ‘bara trasparente’ che ospita la salma di Celestino V sotto un gazebo bianco.
perdonanza 2016: corteo del 28 agosto
perdonanza 2016: corteo del 28 agosto
perdonanza 2016: corteo del 28 agosto
perdonanza 2016: corteo del 28 agosto
perdonanza 2016: corteo del 28 agosto
Sono le 17:30 quando il sindaco dell’Aquila legge la Bolla del perdono.
Massimo Cialente ricorda le vittime del terremoto del centro Italia e affida per 24 ore il messaggio di Celestino V al Cardinale Edoardo Menichelli.
perdonanza 2016: corteo del 28 agosto
perdonanza 2016: corteo del 28 agosto
perdonanza 2016: corteo del 28 agosto
perdonanza 2016: corteo del 28 agosto
Segue la celebrazione della Santa Messa che è propedeutica all’apertura della Porta Santa.
Alle 19:30 nella Basilica di Santa Maria di Collemagg si apre la Porta Santa del primo Giubileo della Storia.
Apertura della Porta Santa 28 agosto
Apertura della Porta Santa 28 agosto
Apertura della Porta Santa 28 agosto
Apertura della Porta Santa 28 agosto

LA POLEMICA

Al corteo non ha partecipato il vicesindaco dell’Aquila Trifuoggi che, lo ricordiamo, aveva rappresentato il Comune nella riunione del 24 agosto in Prefettura riguardante la sicurezza in centro storico (Centro storico insicuro) mentre il sindaco Cialente era ad Amatrice.

A quanto si apprende, il vicesindaco avrebbe atteso l’arrivo della Bolla sul sagrato di Collemaggio polemizzando nei confronti del resto del consiglio comunale che, a suo parere, avrebbe sfilato per “capricci” di consiglieri e assessori, nonostante il lutto.