IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio

Aggressione al Terminal di Collemaggio

Una aggressione, senza motivo, ai danni di un addetto dell’azienda che gestisce il Terminal di Collemaggio. A denunciare il fatto, avvenuto nella giornata di ieri 16 Agosto, i sindacati CGIL e CISL in una nota molto dura in cui sottolineano come il Terminal bus di Collemaggio sia ormai terra di nessuno.

“Un manipolo di sbandati oramai stanziali all’interno del Terminal Bus di Collemaggio, ha aggredito senza motivo un addetto dell’azienda che gestisce il Terminal . Al lavoratore, colpevole soltanto di provare a svolgere il proprio mestiere va la solidarietà di chi scrive, e gli auguriamo una pronta guarigione.

E’ il caso di sollecitare un intervento pronto e deciso, di chi in questa città ha la responsabilità di garantire la sicurezza dei tanti cittadini che quel luogo sono tenuti a frequentare: studenti, lavoratori e comuni cittadini utilizzatori di mezzi pubblici .” sottolineano nella nota.

“Il Terminal, frequentato da migliaia di persone al giorno, ha bisogno di essere attenzionato quale luogo sensibile di questa città e soprattutto è intollerabile a sette anni dal sisma tenerlo nelle condizioni in cui oggi versa. Tutti gli attori di questa lunga vicenda, Gestore e Comune, hanno il dovere di trovare soluzioni. A breve inizierà il nuovo anno scolastico ed in quel Terminal transiteranno migliaia di ragazzi, è necessario che la struttura torni a vivere ad offrire servizi e con ciò anche sicurezza. E’ il caso di ricordare che nella struttura è anche previsto, ed in passato utilizzato, un apposito spazio dedicato al presidio di sicurezza pubblica. E’ necessario che l’azienda in proprio torni ad avere capacità di gestire al meglio la struttura e che le autorità preposte assumano le decisioni adeguate affinché un luogo importante della città, quello che spesso per coloro che vi giungono da fuori è il primo biglietto da vista della stessa, torni ad essere un luogo decoroso e sicuro.”