IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio

Piani di Pezza: record di freddo nell’Appennino

foto di Gabriele Marcelli
E’ un agosto piuttosto fresco quello di quest’anno. Nella scorsa notte a Rocca di Mezzo si sono registrati +0.8°C e -1.4°C in località Piani di Pezza, alle 06:02 di questa mattina. L’Associazione Meteorologica L’Aquila Caput Frigoris riporta questi dati che fanno conquistare il record di freddo all’altopiano rocchigiano.
“Tale valore nonostante sia stato disturbato dal vento, secondo le fonti delle reti registrate di meteonetwork è risultato il più basso in Italia dai 1400 ai 1900 metri di quota” – afferma al Capoluogo.it Emanuele Valeri di NeveAppennino. “Non si è trattato assolutamente di un caso, in quanto la Piana di Pezza detiene già il record della temperatura negativa più bassa mai fatta registrare in tutto l’Appennino. Era il 2012, quando fu toccato il valore di -37.4°C. Probabilmente in quella circostanza non si è trattato del valore più basso di sempre, in quanto nel 1985 si dice siano stati toccati anche i -45°C. Tutto questo però è dovuto alle particolari conformazioni delle nostre bellissime piane”.
PIANI DI PEZZA: “Si tratta di un altopiano glaciale e carsico-alluvionale. La particolare conformazione carsica della Piana, essendo chiusa in tutte le direzioni, fa si che in particolari condizioni atmosferiche come ad esempio ( cielo sereno, bassa intensità del vento e bassi valori di umidità) facciano compiere dei veri e propri miracoli alle temperature, rendendo la località un vero e proprio frigorifero. Le stazioni più alte in provincia di Trento, quelle situate a 1900 metri di quota, hanno ad esempio fatto registrare una minima di +3°C. Insomma, per la piana si è trattato di un nuovo vero e proprio risultato sbalorditivo in quanto solo a 1450 metri di quota. Pensate che al Rifugio Franchetti, 2433 metri sopra il livello del mare, la temperatura sembrerebbe essere oscillata tra gli 0 ed i -2°C. Un’altra meraviglia appenninica”.