IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio

GSA, ipotesi proroga di un anno

Il prossimo 1° luglio, in occasione della prossima assemblea dei sindaci convocata per l’approvazione del bilancio della Gran Sasso Acque Spa, si procederà ad una proroga di un anno del cda attuale, invece di procedere alla nomina del nuovo vertice aziendale.

«La questione della proroga mi pone in dovere di porre all’amministrazione comunale due considerazioni: una di carattere tecnico e una di opportunità politica» scrive in una nota Stefano Morelli, Coordinatore Comunale di Forza Italia.

«La prima riflessione nasce dalla dubbiosa legittimità di un atto di proroga considerato che il regolamento comunale sembrerebbe prevedere non più di due mandati consecutivi per gli amministratori di aziende di sua proprietà. Sarebbe a mio avviso quanto meno opportuno avviare, da parte dell’amministrazione comunale, una serie di attente verifiche attraverso il segretario comunale sulla praticabilità di questa ipotesi. Sarebbe incomprensibile che in assenza di questi passaggi il Sindaco, che in assemblea rappresenta il 47% del pacchetto azionario, si presti a votare questa proposta.
La seconda considerazione – aggiunge Morelli – nasce da una riflessione di carattere politico. L’attuale presidente della Gsa si trova al termine del quarto mandato consecutivo all’interno di questa azienda. Due come vice presidente nominato dalla giunta Tempesta e due come presidente nominato dalla giunta Cialente.
Ora appare quanto meno inopportuno che dopo 15 anni ininterrotti si continui con quella che sembra essere una “monarchia delle acque” anche in considerazione del fatto che “il monarcha” dovrebbe dimettersi con sei mesi di anticipo vista la sua non celata intenzione di correre per la fascia tricolore.

Sottolineo – continua Morelli – che, persino il pessimo ed arrogante governo Renzi, ha attuato il limite dei due mandati a tutte le aziende di stato partecipate dal tesoro.
Ad ogni modo non mi stupirebbe che la sinistra aquilana calpesti il diritto e la decenza».

Leggi anche:

Gsa, l’estate in vacatio di Americo