IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio

Fra’ Salvatore e l’eredità alla Processione aquilana

Non soltanto ha chiesto espressamente di essere sepolto all’Aquila, «città che amo molto», ma ha anche lasciato tutte le sue proprietà a favore della Processione del Venerdì Santo dell’Aquila.

Un bellissimo gesto quello di Nicola Roccioletti, già “Fra’ Salvatore da Chieti”, fondatore della Processione aquilana (rinata nel 1954 e unica in Italia per i suoi simulacri d’arte moderna firmati in particolare dall’artista di fama internazionale Remo Brindisi) morto a 92 anni il 20 maggio scorso, all’Aquila, proprio nel giorno della festa di quel San Bernardino che lui tanto amava e di cui era ancora il custode della famosa cella, in cui il Senese spirò, in via Patini.

Del bellissimo gesto, l’altro giorno, è stata messa al corrente l’assemblea dell’Associazione dei Cavalieri del Venerdì Santo. In particolare, attraverso una donazione Roccioletti ha lasciato all’Associazione due immobili a Milano, dove viveva, e uno a Giulianova, frutto di una vita di lavoro nel settore della pubblicità.

Gli immobili donati sono, per precisa volontà di Roccioletti, inalienabili e dovranno essere utilizzati per finanziare la Processione aquilana che si dibatte tra mille difficoltà, soprattutto per la necessità di reperire i fondi necessari per restaurare i simulacri.