IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio

Fondazione Carispaq i nuovi scenari del mercato del lavoro

Si è discusso di cambiamenti e nuove prospettive del mercato del lavoro ieri all’Aquila nell’incontro dal titolo “I nuovi scenari del mercato del lavoro” organizzato dalla Fondazione Carispaq. Presenti alcuni dei massimi esperti italiani che hanno indicato strategie e possibilità che si possono ancora cogliere e mettere in atto nonostante il perdurare di una tra le più gravi crisi del lavoro soprattutto giovanile che in Abruzzo, secondo l’ultimo rapporto di Banca d’Italia, raggiunge il 28,5 % al di sopra della media nazionale. Per questo Vito Gioia, cacciatore di teste per MCS Management Consulting & Selection, e Maurizio Milan, direttore generale Education & Service “Il Sole 24 Ore”, hanno posto l’accento sulla loro personale esperienza e su come oggi le nuove tecnologie possono aiutare sia le imprese, sia i giovani in cerca di occupazione, tracciando un quadro di quelle che sono le capacità (skill) del futuro. La conclusione è stata affidata al vicepresidente della regione Abruzzo Giovanni Lolli che ha fatto il punto su alcune criticità occupazionali abruzzesi lanciando suggerimenti e idee per il futuro di questo settore in Abruzzo. In apertura, il presidente della Fondazione Carispaq Marco Fanfani ha tracciato un bilancio del progetto Borse di Studio/Lavoro che la fondazione ha attivato a metà 2013 e concluso in questo mese di giugno. Un’iniziativa che ha coinvolto 100 giovani borsisti, il 49% donne, che hanno svolto circa 1400 mesi di stage formativi, il 65 % delle Borse Studio/lavoro si sono trasformate in occupazione a tempo indeterminato; il sostegno economico messo in campo è stato di oltre un milione di euro in tre anni.
“Un progetto che ci ha visti impegnati per oltre tre anni ma che ha riscosso un notevole successo – ha spiegato il presidente Marco Fanfani – grazie alla formula scelta che ha previsto la selezione delle aziende attraverso un avviso pubblico, mentre le aziende a loro volta hanno individuato il candidato sulla base del profilo preventivamente individuato. La Fondazione ha gestito tutta la parte amministrativa del progetto ed ha richiesto alle aziende l’impegno a prolungare di ulteriori 4 mesi la borsa studio lavoro. Questo progetto – ha sottolineato Fanfani – si è rivelato uno strumento di grande efficacia e flessibilità che è nato con la volontà di intervenire in un contesto di grave crisi occupazionale giovanile e lascia un’importante eredità che ci auspichiamo possa essere di stimolo per le istituzioni pubbliche nella pianificazione di politiche a favore dei giovani. Per il futuro – ha concluso il presidente – la Fondazione Carispaq continuerà a sostenere il mondo del lavoro, soprattutto quello giovanile, per questo stiamo lavorando ad un nuovo progetto che possa andare incontro proprio alle richieste del mercato del lavoro che riguardano in particolare innovazione e uso delle moderne tecnologie attraverso la realizzazione di startup ed imprese nuove e all’avanguardia”.