IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio

Progetti CASE, caos tra rifiuti e bollette

Impazzano le segnalazioni al servizio WhatsApp e sulla pagina di Facebook del Capoluogo da parte degli inquilini di alcuni complessi dei Progetti CASE, che da settimane non vedono ritirare la spazzatura depositata dentro e fuori dai contenitori ormai stracolmi.
“Ecco come è la situazione a Paganica Sud, in via Giuseppe Giampaola: la raccolta del vetro non viene fatta dal 16 Maggio – dichiara Natale Germanò, invitando il sindaco Massimo Cialente a leggere la pagina dedicata ai progetti CASE su facebook -; ho effettuato diverse telefonate al numero verde e mi è stato risposto che sarebbe stato avvisato il responsabile. Ma nulla.
A distanza di un mese ho chiesto di poter parlare telefonicamente con il responsabile del servizio, da cui ho ottenuto rassicurazioni. A fine giugno siamo ancora in questa situazione, non solo per la raccolta vetro ma anche per rifiuti di altro tipo”.
Stessa situazione viene segnalata a Preturo.
In alcuni garage dei CASE a Coppito, fuoriescono invece perdite d’acqua in corrispondenza delle tubature degli scarichi sanitari, ma parlare con un operatore dell’ufficio comunale competente sembra un’impresa titanica.

tubature rotte progetti CASE

I cittadini lamentano da alcuni giorni la disattivazione del numero verde e le lunghe attese al telefono con l’ufficio guasti, a cui risponde una voce registrata che non consente di parlare direttamente con un impiegato per spiegare la situazione.
Nei prossimi giorni, inoltre, i residenti dei progetti CASE riceveranno le bollette di conguaglio per le utenze di luce e gas relative alle annualità 2013-2014, la cui fatturazione è basata sul consumo a metro quadro e non sui consumi effettivi.
In molti tornano a minacciare di non voler pagare per consumi che non hanno realmente effettuato, il grado di morosità sembrerebbe attestarsi ormai al di sopra del 40%.
Non mancano disguidi anche per chi, in quelle costruzioni, non abita più: “Sono undici mesi che siamo tornati a casa nostra, ma ancora arrivano bollette dei progetti CASE – lamenta Anna Barile -, al più presto renderò pubbliche tutte le spese ed i costi sostenuti in sei anni di permanenza in questi Resort.”