IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio

Revisore unico: passa legge Pietrucci

Un risparmio sul triennio di un milione e quattrocentomila euro per le casse regionali senza intaccare la qualità dei servizi al cittadino, ma incidendo esclusivamente sui costi derivanti dagli stipendi. Passa il progetto di legge di Pierpaolo Pietrucci che sostituisce presso ciascuno degli enti regionali – l’Agenzia regionale attività produttive (Arap), l’Agenzia regionale per l’Informatica e la Telematica (Arit), le quattro Aziende Territoriali per l’edilizia residenziale (Ater), l’Agenzia regionale per la tutela dell’ambiente (Arta), l’Ente regionale servizio unico integrato (Ersi) e l’Agenzia sanitaria regionale – l’organo costituito dal Collegio dei revisori con un unico revisore legale. Il consigliere si dice “particolarmente soddisfatto dell’approvazione avvenuta con il voto favorevole anche del Movimento Cinque Stelle”.

Ma  si è spacca la maggioranza di centro sinistra. L’atmosfera è diventata incandescente. C’è chi ha tentato di “metterci le mani” inserendo un emendamento non concordato in giunta. Scontro tra Pietrucci spalleggiato da Camillo D’alessandro e  l’assessore Donato Di Matteo. L’operazione è stata stoppata anche grazie all’intervento del Presidente Luciano D’Alfonso.

“Le tutele e le necessità di trasparenza previste dalle legge rimarranno intatte: si tratta di una misura di buon senso (la legge dello Stato riduci di Cda degli enti a amministratori unici, e quindi se diminuiscono i controllati è giusto che diminuiscano anche i controllori) che ci consente di fare economie, necessità particolarmente stringente per una regione come la nostra che ha un vasto territorio da amministrare e in cui assicurare i servizi, e si tratta di aree spesso fuori mercato. Il rischio è che a pagarlo siano i cittadini che vivono le aree più deboli, quelle interne, che invece vanno salvaguardati con particolare attenzione. Oltre a chi ha votato e sostenuto il mio provvedimento in assemblea, ringrazio in modo particolare i dirigenti Francesca Di Muro, Vincenzo Rivera e Paolo Costanzi, che con la loro puntualità e competenza hanno collaborato alla redazione tecnica della legge”.