IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio

L’H3G lascia, 234 lavoratori rischiano il posto

Anche il call Center Globe Network, mono commessa di H3g, sarà costretto a chiudere entro fine giugno lasciando a spasso 234 dipendenti. Dopo la crisi della Ecare per la rescissione del contratto da parte di Vodafone, anche gli addetti aquilani al call center di 3 rischiano il posto.

La società, infatti, ha fatto sapere questa mattina ai suoi dipendenti che da lunedì prossimo le telefonate in entrata andranno via via diminuendo fino alla fine di giugno, data in cui si interromperà la collaborazione con il cliente H3g.

Nato dopo il sisma del 2009 dalle ceneri di VSC Network, il call center di Globe Network aveva inizialmente assunto 350 operatori addetti al customer care di Tre.  La commessa sarebbe scaduta il 31 dicembre 2015, ma aveva avuto dei rinnovi periodici fino a qualche giorno fa. Negli ultimi mesi la mole di lavoro è andata riducendosi e la società aveva reso noto un bilancio con 4 milioni di debiti fiscali.  La Globe avrebbe cercato di organizzare un piano di rientro con l’Agenzia delle Entrate, ma il mancato rinnovo della commessa da parte di H3G avrebbe dato il colpo di grazia alla società.

Questa mattina i sindacalisti hanno dato il triste annuncio ai dipendenti che hanno avuto una immediata reazione. Il call center ammutinato si è svuotato e tutti i dipendenti si sono messi in sciopero.

 

«Lo stato d’agitazione – spiega al Capoluogo Piero Francazio, sindacalista UILCOM – durerà finchè non riusciremo a garantire ai lavoratori una soluzione che li salvi dal licenziamento paventato da Globe Network. Abbiamo attivato tutti i tavoli sindacali per risolvere la situazione».

Impossibile pensare di mantenere tali commesse in Italia, dove le società sono soffocate dalla pressione fiscale e dal costo del lavoro, soprattutto se il main competitor è l’Albania. Tutti i maggiori call center italiani si trovano ormai a Tirana dove è possibile reclutare lavoratori a 250 euro al mese, contributi inclusi, con un’ottima padronanza dell’italiano e una buona conoscienza informatica. Abbiamo seguito lo sviluppo dei call center in Albania in altri articoli.

 

Leggi anche:

Tirana, meta del nuovo fenomeno di emigrazione italiano

Tirana chiama L’Aquila