IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio

Parte il restauro del Palazzo dei Combattenti

Lunedì 2 maggio iniziano i lavori di restauro e miglioramento sismico di Palazzo dei Combattenti in Corso Vittorio Emanuele II all’Aquila, sede storica della Fondazione Carispaq. Un intervento atteso dalla Città che si concluderà nell’arco di un anno e mezzo circa e che prevede alcune importanti novità nella destinazione degli spazi: la realizzazione di una sala multifunzionale per attività convegnistica ed espositiva, a servizio dell’attività dell’ente e delle tante associazioni culturali che operano sul territorio, ed una sala espositiva per mostre temporanee in particolare di giovani artisti. Si interverrà, inoltre, per rendere fruibile la terrazza panoramica che potrà essere usata sempre per eventi e manifestazioni culturali avendo come scenario il maestoso e suggestivo massiccio del Gran Sasso con la sua vetta più conosciuta: il Corno Grande. “Finalmente partono i lavori di recupero post sisma nella nostra sede in Piazza della Fontana Luminosa – dichiara il Presidente della Fondazione Carispaq Marco Fanfaniun cantiere che, all’esito di un complesso iter burocratico, salutiamo con grande sollievo e soddisfazione, e che restituirà alla città un bene storico ed architettonico di grande prestigio.  Le soluzioni e le migliorie che il progetto prevede, inoltre, ci consentiranno di avere spazi polifunzionali a disposizione non soltanto della nostra attività ma anche delle numerose associazioni culturali, degli artisti e più in generale del mondo che si muove in questo ambito nel nostro territorio”.

 L’avvio del cantiere di Palazzo dei Combattenti è un momento importante per la vita della Fondazione Carispaq che coincide con l’approvazione da parte del Consiglio Generale del Bilancio 2015, che  chiude un triennio molto positivo per l’ente in cui si è registrato il significativo  incremento del patrimonio per circa 7 milioni di euro, nonostante il perdurare della crisi dei mercati finanziari.“Nel triennio 2013 – 2015  –  prosegue il Presidente della Fondazione Carispaq Marco Fanfani sono stati conseguiti proventi finanziari per circa 20 milioni di euro con una redditività media del patrimonio investito del 3,98%: ciò ha consentito di mantenere significativo e stabile nel tempo l’importo delle risorse destinate alle erogazioni a favore del Territorio per complessivi 7,1 milioni di euro. In  questi anni l’attività della Fondazione è stata orientata, prevalentemente, al finanziamento di interventi “propri” senza tuttavia far mancare il consueto sostegno ai progetti di terzi con l’attenzione rivolta all’intera provincia, perseguendo l’obiettivo strategico di dare impulso, in una logica di sussidiarietà, allo sviluppo economico sociale e culturale del territorio nell’ambito di una strategia intergrata che rafforzi il dialogo tra le istituzioni e gli altri stakeholders.”

In linea con quanto rilevato negli anni scorsi anche il bilancio dell’esercizio 2015 della Fondazione è positivo nonostante la persistente volatilità dei mercati finanziari. “Grazie all’accurata e prudente selezione degli investimenti, ispirata ai principi di salvaguardia nel tempo del patrimonio e di diversificazione del rischio – sottolinea il Segretario Generale della Fondazione David Iagnemma il 2015 ha registrato proventi finanziari pari a 4,8 milioni di euro con una redditività del patrimonio investito del 3,31%. Nell’esercizio si rileva, altresì, l’aumento delle erogazioni liberali a favore del territorio ed un significativo incremento del proprio patrimonio per circa 2 milioni di euro. Nel 2015 sono stati finanziati 466 progetti a favore dello sviluppo economico del territorio per complessivi 2,7 milioni di euro suddivisi tra i diversi settori d’intervento: Arte, attività e beni culturali € 767.850; Sviluppo locale € 887.100, Ricerca scientifica e tecnologica € 192.000; Volontariato, filantropia e beneficenza € 286.175, Crescita e formazione giovanile € 568.400.”