IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio

Incontro sanità: non il 6 aprile foto

Guido Quintino Liris, medico Asl e Capogruppo Forza Italia in Consiglio a L’Aquila, interviene sull’incontro organizzato dal Presidente del Consiglio Regionale Peppe Di Pangrazio ad Avezzano il 6 aprile.
«Chiedo al Presidente del Consiglio Regionale Giuseppe di Pangrazio di rinviare l’incontro sulla Sanità previsto per il 6 aprile – scrive Liris nella nota inviata alla stampa -. Questo giorno è un giorno troppo particolare, è il giorno del lutto di tutto un territorio, quello aquilano, distrutto fisicamente e psicologicamente sette anni fa. Il ricordo dei familiari e degli amici morti è ancora troppo vivo per poter chiedere alla comunità aquilana di far finta di nulla.
peppe di pangrazio
Non voglio concentrare il mio appello su motivazioni campaniliste, sul fatto che la prima discussione ufficiale sul nuovo Piano Sanitario Regionale venga svolta ad Avezzano e non nel Capoluogo di Regione; pertanto mi riserverò di affrontare tale punto in altro momento, in altro contesto e in altra sede. Non è accettabile, però, che il 6 aprile sia la data scelta per discutere un tema così importante: il personale sanitario (e non solo) del territorio aquilano è  molto interessato ad ascoltare i contenuti dell’incontro previsto, a prendere contezza della declinazione locale delle scelte regionali sulla Sanità. Voglio essere costruttivo ed evitare polemiche: per consentire a tutti gli aquilani interessati al tema della riorganizzazione sanitaria regionale chiedo con forza e determinazione lo spostamento dell’incontro previsto il 6 aprile ad Avezzano!
La presenza di Silvio Paolucci e del nuovo Direttore Generale Tordera – conclude Liris – rendono assai cruciale questo incontro: voglio considerare quanto accaduto solo una grave gaffe istituzionale; alla gaffe chiedo che venga posto il giusto rimedio! Avezzano ha ricordato poco tempo fa il suo sisma, oggi pensi a quello della città dell’Aquila!»