IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio

Appalti e tangenti per l’illuminazione pubblica: i nomi degli indagati

Venti amministratori comunali, fra sindaci, ex sindaci, consiglieri e dirigenti, più cinque tecnici: sono venticinque gli indagati nell’ambito dell’inchiesta, coordinata dalla Procura della Repubblica di Avezzano,  riguardante ipotesi di reato che vanno dalla corruzione all’associazione per delinquere al falso.  L’inchiesta sarebbe nata dalle rivelazioni di un imprenditore il quale avrebbe riferito di aver pagato ad amministratori locali della Marsica e intermediari tangenti, cosi’ da vincere appalti in materia di illuminazione pubblica e altri settori pagando in contanti assegni e regalie varie camuffando il tutto con la stipula di contratti fittizi e l’emissione di fatture false.

I nomi sono stati svelati stamane sul quotidiano Il Centro. Si tratta di Claudio Tonelli, consigliere comunale, ex capo di gabinetto dell’ex sindaco Antonio Floris, Maurizio Bianchini, ex assessore comune di Avezzano, Francesco Di Stefano, dirigente del Comune di Avezzano, Luca Dominici, ex assessore di Avezzano, Martorano Di Cesare, ex sindaco di Villavallelonga, Angelo Salucci, ex sindaco di Collelongo, Gianluca Giuseppe Del Corvo, ex assessore del comune di Celano, Mario Quaglieri, sindaco di Trasacco, ex vicesindaco, Gianfranco Tedeschi, sindaco di Cerchio (che dichiara di non aver ricevuto nessun avviso di garanzia), Federico D’Aulerio, sindaco di Ortucchio e dirigente del Comune di Celano, Roberto Salvi, ex assessore del Comune di Trasacco e attuale consigliere, Guido Pignanacci, assessore al comune di Ortucchio, Luigi Babusci, libero professionista, Paolo Venditti, Ingegnere, Mauro Contestabile, Ingegnere di Celano, Danilo Paolini, consulente commercialista, Mariano Santomaggio, consulente commercialista, Jhon Lastella, imprenditore.
Indagati a diverso titolo anche Mauro Aureli, Fabio Buccitti, Andrea Bianchi, Giampiero Gualtieri, Luca Manzoni, Francesco Maria Marcelli e Angelo Capogna, legale dell’azienda coinvolta nella vicenda e dalle cui rivelazioni sarebbe partita l’inchiesta.