IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio

Pierpaolo Pietrucci: ‘Sbloccati finanziamenti per cooperative sociali’

La Regione ha liberato i finanziamenti per il pagamento degli arretrati  ai lavoratori delle cooperative sociali. Soddisfatto il consigliere regionale Pierpaolo Pietrucci:

“Esprimo soddisfazione e ringrazio in particolare i membri del tavolo tecnico e in particolare Rita Innocenzi della Cgil, l’operatore sociale Goffredo Juchich, l’assessore alle Politiche sociali del Comune dell’Aquila Emanuela Di Giovambattista, i commissari delle comunità montane con l’avvocato Merli, i funzionari dell’assessorato regionale alle Politiche sociali guidato da Marinella Sclocco, i sindaci degli ambiti aquilani tra cui il consigliere provinciale Paolo Federico.

La Regione ha liberato i finanziamenti per il pagamento degli arretrati  ai lavoratori delle cooperative sociali, i problemi tecnici e burocratici sono stati appianati e le divergenze risolte, grazie all’impegno di tutti. Abbiamo prodotto un gran lavoro che ha permesso il pagamento degli stipendi degli operatori sociali che li attendevano da diversi mesi. Quando si parla di servizi sociali nelle aree interne dell’Abruzzo, si deve trattare la materia con grande rispetto perché per ragioni fisiche e geografiche qui l’erogazione è più onerosa e difficoltosa, e deve essere sostenuta con ancora maggiore continuità. I ritardi non sono ammissibili.

E’ grazie al gran lavoro di questo tavolo (che viene costituito in maniera permanente per facilitare il raccordo con l’assessorato, coordinare strategie comuni di intervento, potere ascoltare gli operatori del sociale per tutte le aree interne) che le ragioni sono state comprese dalla struttura dell’assessorato della Sclocco e, sono fiducioso, si è costituita una intesa e una consapevolezza che eviterà la ripetizione di inconvenienti e ritardi di questo genere in futuro. La gratitudine verso chi concretamente dà sostegno e coesione sociale in aree che ne hanno bisogno in particolare modo ce lo impone come dovere.”