IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio

Mauro Febbo tuona su nomina Tordera: ‘assurda la decisione del tutor’

“Una situazione paradossale, assurda che a tratti sembrerebbe comica ma da ridere sinceramente c’è ben poco visto che stiamo parlando della sanità regionale e del suo futuro sul quale si addensano nubi sempre più grigie”. E’ quanto dichiara il presidente della Commissione di Vigilanza, Mauro Febbo a proposito della nomina di Rinaldo Tordera a direttore generale della Asl dell’Aquila. “Nomina – spiega Febbo – di fatto non ancora ufficiale in quanto a oggi la delibera di giunta risulta, come spesso accade sotto il governo D’Alfonso, secretata. Tra l’altro il provvedimento sancirebbe una semplice designazione e non una nomina a tutti gli effetti che, ragionando sempre e solo per ipotesi, sarà ratificata successivamente all’avvenuta dimostrazione della mancanza di cause di incompatibilità. Oggi come ieri isomma si conferma un modo di fare illogico basato su chiacchiere, annunci e spot mentre documenti, provvedimenti e delibere restano inspiegabilmente, e contrariamente ai principi della trasparenza, oggetti misteriosi”.

“Ritengo inaccettabile quanto sta accadendo – riprende Febbo –  come è altresì assurda la decisione, sempre ipotetica, presa dal presidente della Giunta, di affiancare al nuovo direttore Asl addirittura la figura di un tutor, manco fosse uno studente con problemi di rendimento scolastico. Per questo delicato e innovativo ruolo sarebbe stato scelto Roberto Marzetti che faceva parte del gruppo dei saggi voluti da D’Alfonso per affiancarlo nelle decisioni fondamentali per il futuro dell’Abruzzo. Peccato però che l’incarico a titolo gratuito dell’ex manager Asl sia scaduto e che, stando alla normativa vigente (decreto legge n.95 del 2012), non possa essere né prorogato né rinnovato. Avvierò – conclude Febbo – tutte le procedure per ristabilire la massima chiarezza e soprattutto la massima trasparenza. È chiaro che di fronte ad atti secretati e nomine discutibili di “tutor” convocherò Commissione Vigilanza e di tutela”.