IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio

Il giorno di Tordera, FI conferma il no

Torna in aula il Consiglio Regionale e, con esso, la tanto attesa formalizzazione della nomina al Direttore Generale della Asl.

«Fonti autorevoli riferiscono che il presidente della Regione, Luciano d’Alfonso, si appresterebbe a formalizzare oggi la nomina di Rinaldo Tordera a manager della Asl Sulmona-Avezzano-L’Aquila» scrive in una nota diffusa alla stampa il consigliere regionale FI Emilio Iampieri.

«Se tale indiscrezione venisse confermata – continua la nota -, si tratterebbe di una scelta inaccettabile sia sul piano del metodo che dei criteri adottati. Così facendo, infatti, D’Alfonso non soltanto si sottrarrebbe all’onere della concertazione con le forze politiche di opposizione e con le amministrazioni locali ricadenti nel territorio di competenza della Asl, ma certificherebbe l’incomprensibile e intollerabile bocciatura delle tante professionalità di cui nell’ambito sanitario della provincia è ricco, che avrebbero potuto incidere sui problemi attinenti alla riorganizzazione sanitaria della Asl Sulmona-Avezzano-L’Aquila con maggiore tempestività grazie alla esperienza maturata nel settore e una più approfondita conoscenza delle nostre articolazioni sanitarie. Senza entrare nel merito delle competenze di Tordera – conclude Iampieri a nome di tutto il gruppo consiliare FI -, già direttore della Carispaq e di recente ai vertici dell’Asm e di Sviluppo Italia Abruzzo, torniamo a ribadire come tale indicazione vada nel segno opposto rispetto alle aspettative del territorio che ancora una volta vengono umiliate in favore di innesti esterni avulsi dal nostro comprensorio. Sarà nostra premura, pertanto, vigilare affinché la sciagurata rimodulazione della sanità abruzzese non passi per lo smantellamento definitivo dei presidi sanitari dell’Abruzzo interno in favore di quello costiero, segnando ulteriormente quell’incolmabile e profondamente ingiusta distanza che l’amministrazione D’Alfonso ha acuito e continua ad acuire, con grave nocumento dell’Abruzzo montano».