IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio

Coder Dojo, corso di robotica dalla prima elementare

Non si tratta di un corso vero e proprio ma di una sorta di gioco che avvicina i bambini della prima elementare alla tecnologia.

La direzione didattica “Amiternum-Marconi”  dallo scorso novembre ha avviato una proficua collaborazione con la scuola Mariele Ventre di L’Aquila e il Dipartimento di Scienze Umane dell’ Univ. dell’Aquila per insegnare a oltre 90 bambini, dalla seconda elementare fino alla quinta, a scrivere programmi per computer.

Adesso il corso è strutturato anche per i bambini della prima elementare.

La combinazione è avvenuta grazie alla lungimiranza della dirigente, la Prof.ssa Carla Marotta, la passione di due insegnanti, Federica Lizzi e Rita Filipponi, e la collaborazione con Angelo Bernardi cultore della materia in informatica e matematica del Dip.Scienze Umane, che hanno voluto iniziare questo esperimento.

“Non è un corso dato che a questa età un argomento così complesso non può essere affrontato in maniera rigida, tutt’altro deve essere un gioco e come ogni gioco che si rispetti si vince qualcosa.In questo caso il premio è il videogioco che nelle due ore dedicate il sabato pomeriggio, ciascun bambino si è programmato da solo, o meglio, aiutandosi creando dei mini team spontanei con i compagni di banco”.

Questo metodo si chiama Coder Dojo, metodologia ben sperimentata all’estero e in Italia che porta il bambino a renderlo padrone e a convogliare la sua creatività in maniera proattiva verso uno strumento complesso che solitamente è una scatola nera per la maggior parte della popolazione.

“Se tra di loro ci sarà un Gates o uno Zuckenberg non lo sappiamo, ma stanno addentando voracemente le nozioni, uno spettacolo emozionante vederli risolvere in autonomia i problemi di ingegno che gli vengono proposti”.

FraMar