IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio

Studente morto: autopsia a Sulmona, affidato incarico

E’ stato conferito questa mattina l’incarico per accertare le cause che hanno portato alla morte di Christian Lombardozzi, studente di 17 anni di Roccacinquemiglia, frazione di Castel di Sangro (L’Aquila), avvenuta venerdì scorso in un’aula dell’istituto alberghiero ‘De Panfilis’ di Roccaraso (L’Aquila). Il ragazzo è caduto dalla sedia durante la lezione; secondo le prime ricostruzioni si stava dondolando e avrebbe perso l’equilibrio, finendo con la testa tra banco, sedia e muro.

L’autopsia sarà eseguita all’ospedale di Sulmona dall’anatomopatologo Ildo Polidoro; gli accertamenti inizieranno in mattinata. Nel pomeriggio sopralluogo nella scuola da parte degli ispettori dell’ufficio provinciale del lavoro per verificare se nell’aula, al momento dell’incidente, vi fosse il rispetto di tutte le norme antinfortunistiche per quanto riguarda sia i locali sia gli arredi.

Intanto, questa mattina l’Istituto ha riaperto le porte agli alunni per lo svolgimento delle lezioni, ma si è trattato di una lezione particolare, per una riflessione sulla condivisione del dolore come fattore di crescita. Insegnanti e alunni hanno fatto le loro riflessioni, raccontando anche di esperienze personali. Alla lezione sono intervenuti anche la psicologa Patrizia Amici e il parroco di Roccaraso, don Domenico Franceschelli. Psicologa e parroco hanno analizzato un argomento così delicato dal punto di vista psichico e religioso. “Sono stati momenti molto intensi ed emozionanti – afferma uno dei docenti dell’Alberghiero – qualcuno degli intervenuti non è riuscito a trattenere le lacrime, ricordando anche Christian”. Dalle 14 è iniziato il sopralluogo da parte degli ispettori dell’Ufficio provinciale del lavoro, teso ad accertare eventuali carenze sotto il profilo antinfortunistico e della sicurezza degli ambienti e degli arredi dell’aula dove si è verificata la tragedia. In particolare, sotto la lente d’ingrandimento dei due ispettori è finita la sedia in plastica e in ferro sulla quale era seduto lo studente al momento della caduta.