IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio

Discarica Celano: Il sindaco rassicura, i 5Stelle insorgono

La città stia tranquilla. Il giorno dopo il sequestro della maxi discarica da oltre 40 ettari eseguito a Celano, il sindaco Santilli spegne le polemiche: “i NOE effettueranno già nei prossimi giorni indagini geologiche più approfondite sulla natura dei rifiuti. Prima di parlare di “Nuova terra dei fuochi” e causare ulteriori danni all’economia dell’intero territorio, soprattutto all’agricoltura, è necessario aspettare lo svolgimento delle indagini da parte delle autorità preposte.”
Per il sindaco si tratta di un allarme ingiustificato: “i terreni interessati” precisa “non sono stati mai destinati alla coltivazione agricola negli ultimi 50 anni”. Inoltre, sono state attuate numerose iniziative sull’area, come la chiusura e il rispristino ambientale della discarica di “San Marcello”, la realizzazione in un’area limitrofa a questa, di uno dei primi “centri di raccolta di rifiuti differenziati” dell’intera Marsica, la presentazione in provincia del progetto inerente la chiusura e la messa in sicurezza della discarica per inerti.
Ma la risposta del Sindaco non conforta quanti in queste ultime ore hanno palesato le loro preoccupazioni. Ad esempio, Evelina Torrelli e Graziella Cantelmi del gruppo Celano città Viva sottolineano come “innumerevoli sono state le denunce pubbliche, tacciate per allarmistiche ed “esagerate” dalla precedente Amministrazione Comunale capitanata dall’On. Piccone e
nella quale l’attuale Sindaco ricopriva la carica di Assessore all’Ambiente. Il fatto che la ex discarica di S. Marcello sia ricompresa nell’area sequestrata, nonostante la stessa, come ribadito oggi dal Sindaco, sia stata bonificata, lascia alquanto perplessi: neanche i lavori di bonifica hanno reso detta zona immune da rischi? E durante la messa in sicurezza dell’area interessata dalla ex discarica non si è preso atto della situazione insistente sulle aree contigue?”
Certo è che il rinvenimento di una discarica di dimensioni così vaste fa riflettere e molto su quanto sia stato fatto in questi decenni nell’area…

“BONIFICA IMMEDIATA E LO STOP ALLA LEGGE CHE AGEVOLA LE ECOMAFIE”
LA PROPOSTA DEI 5 STELLE PER SALVARE LA MARSICA E L’ABRUZZO DALLE DISCARICHE ABUSIVE
Il consigliere regionale Gianluca Ranieri che, insieme ai colleghi ed ai gruppi locali della Marsica, già dal 2013 denuncia il grave stato delle discariche abusive nel territorio marsicano, effettuando una vera e propria mappatura delle zone a rischio e portando avanti da anni una campagna contro lo smaltimento illegale dei rifiuti: “Oggi, che tutta Italia ha visto come è stato ridotto dalla politica locale uno dei gioielli del nostro Abruzzo, bisogna intervenire immediatamente, per indurre l’Amministrazione locale, che fin ora ha fatto finta di niente anche davanti ai roghi colposi, ad affrontare seriamente l’enorme caso di inquinamento ”.
“Sul territorio” continua Ranieri “abbiamo agito ottenendo numerose vittorie, infatti, la campagna, anti-discariche dei 5 stelle ha portato la bonifica di molti siti illeciti. Ma il Comune di Celano ha preferito lasciare sotterrato il problema nella speranza che nessuno se ne accorgesse”.
CELANO LA PUNTA DI UN ICEBERG
“ La discarica di Celano non è l’unica situazione che ci preoccupa, ma la punta di un icerberg che nasconde un mare di rifiuti nella zona più coltivata d’Abruzzo”, afferma ancora il consigliere regionale Gianluca Ranieri, “Ricordo che esattamente un anno fa, in capannoni tra Avezzano e Luco dei Marsi furono sequestrate 1.600 tonnellate di rifiuti speciali di incerta provenienza. Senza una forte ed immediata reazione delle Istituzioni, della Politica e dei cittadini” incalza “rischiamo che attraverso il corridoio naturale della Valle Roveto l’ombra delle ecomafie possa allungarsi fino alla Piana del Fucino facendone una nuova Terra dei fuochi”.
LA PROPOSTA
Un grido di allarme a cui fanno coro tutti i consiglieri regionali del M5S “Bisogna immediatamente modificare la l’articolo contenuto nello Sblocca italia che permette di trasportare rifiuti da un posto all’altro dell’Italia. Questa norma, reintrodotta da Renzi con la famigerata legge, è la stessa che ha permesso a Mazzocca di portare i rifiuti abruzzesi nell’inceneritore del Molise” affermano i 5 stelle , “una norma che rischia di agevolare quei poteri criminali interessati a fare del trasporto di rifiuti un lucroso traffico illecito”.
“A livello locale” concludono i consiglieri “bisogna immediatamente attuare una bonifica nelle zone interessate, se il comune non riesce con le risorse è necessario che la regione intervenga. Sono queste le opere da finanziare nella provincia de L’Aquila, non monumenti alla propria gloria come il più tiranno degli Imperatori”.
I RISULTATI DELLA RICERCA
L’area nella quale è stata individuata dalle Autorità l’enorme discarica abusiva era stata già oggetto, più di 2 anni fa, di una indagine condotta dal M5S. A seguito dell’indagine , il 14 dicembre del 2013, il Movimento 5 Stelle convocò ad Avezzano cittadini e amministrazioni di tutta la Marsica per illustrare la situazione delle discariche abusive sul territorio e proporre una soluzione per la prevenzione del fenomeno dell’abbandono illegale di rifiuti. Tra i numerosi partecipanti mancò proprio l’Amministrazione di Celano, nonostante la discarica abusiva, trattata oggi dalle cronache nazionali, fosse quella più grande e problematica tra quelle censite dagli attivisti e illustrata con foto e mappe nel corso dell’incontro pubblico.
Dei 40 ettari contaminati oggi individuati con osservazioni satellitari, gli attivisti del M5S individuarono con macchine fotografiche e un drone “solo” 6 ettari coperti da teli agricoli, rottami di auto, pneumatici, inerti da demolizione e altre tipologie di rifiuti pericolosi. Ma ciò non bastò per avere un confronto pubblico con l’Amministrazione comunale.
È evidente che nell’area esista una stratificazione di rifiuti di varia natura ammassati e sotterrati senza alcuna autorizzazione nel corso di decenni. Tuttavia, è altrettanto evidente l’assordante silenzio delle Istituzioni locali che, in tempi più recenti, nulla hanno fatto di concreto per mettere in sicurezza il territorio.
La discarica si trova ai margini della piana agricola del Fucino. Per questo, prima che diventi un nuovo caso Bussi, il Movimento 5 Stelle chiede che si faccia luce sulle responsabilità e, soprattutto, che ci si attivi a livelli istituzionali più alti per la bonifica. Non possiamo lasciare i cittadini in balia della incapacità delle amministrazioni locali.