IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio

Cronaca della serata in ricordo di Italo Grossi

di Nando Giammarini

Nel nuovo ed accogliente Auditorium Renzo Piano all’Aquila lo scorso venerdì 5 febbraio, vigilia del X anniversario della prematura scomparsa del commiato Italo Grossi – una persona mite, intelligente ed intransigente con se stesso prima che con gli altri, un vero benefattore dell’umanità – si è tenuta una toccante e commovente cerimonia organizzata dalla famiglia in collaborazione con l’associazione “ L’Aquila Siamo Noi” in suo ricordo.

Tante le persone intervenute tra cui il Sindaco Cialente; l’Assessore alla ricostruzione, Pietro di Stefano; il giornalista del Centro, Giustino Paresse; Osvaldo Di Carlo ex Sindaco di Montereale; Luca Bergamotto; l’ex Sindaco Tempesta; Angela Ciampi; Antonello Passacantando; Enrico Perilli ed altre personalità del mondo della scuola e della cultura,oltre a tanti cittadini comuni.

L’evento dal titolo “In onore di Italo Grossi tribuno del popolo” è stato patrocinato dal Comune dell’Aquila egregiamente presentato da due giornalisti Marco Giancarli e Simona Malavolta che con le loro parole sono arrivati dritti al cuore dei presenti. Tutto studiato ed organizzato nei minimi particolari si è voluto dare spazio più che alla politica ai rapporti d’amicizia costruiti, da Italo, in tanti anni del suo impegno. Egli – uomo profondamente altruista e generoso, onesto e coraggioso, militante ancor prima che dirigente nella lunga e brillante carriera che lo ha visto, senza esitazione alcuna, a fianco dei poveri degli umili di coloro che non hanno nulla ed ai quali si nega anche la tranquillità del nulla – era un’altra cosa rispetto ad alcuni politici attuali.

Particolare il motto in cui credeva fermamente: “ Non per Favore ma per Diritto” per cui ha speso la sua esistenza combattendo sprechi ed ingiustizie. Lo conobbi nell’allora Federazione del PCI di Via Paganica e ricordo come fosse adesso la stretta di mano vigorosa il suo sguardo bonario anche nelle situazioni più difficili e problematiche. Era per me doveroso essere presente e rendere omaggio al compagno, all’amico di tante lotte che, nella sua cristallina trasparenza, ha speso l’ esistenza al servizio della città e della parte meno abbiente. Non mi stancherò mai di ripetere che alla sua voglia di essere e di fare – con presenza costante sul territorio, per migliorare le condizioni di vita e di lavoro di tanta gente – si deve la provincializzazione della SP 105 “Monte Cabbia” un’importante arteria di collegamento tra due Regioni: L’Abruzzo ed il Lazio nell’Alta Valle dell’Aterno.

Quella di venerdì, sebbene l’emozione si toccasse con mano ed io stesso ho faticato a trattenere le lacrime mentre scorrevano le sue immagini, è stata una serata sobria, esattamente come il suo stile. Eravamo in tanti a ricordarlo ciascuno per quanto di sua conoscenza il cui denominatore comune è stato l’amore per la città Capoluogo di Provincia abruzzese e nel dare voce a chi non ne aveva oltre l’insegnamento di non scendere mai compromessi.

Tanti gli intervenuti tra cui: Carlo Benedetti , Presidente del Consiglio Comunale, il quale ha ricordato che Grossi non fu capito fino in fondo pur essendo un militante e dirigente di altissimo profilo con capacità di tradurre i pensieri in azione. Altro intervento di alto profilo quello del giornalista Giustino Parisse del Centro che ha ben messo in evidenza i valori di Italo, definendolo un vero combattente, e la sua politica del fare senza chiedere nulla in cambio e senza fermarsi mai per risolvere i problemi della gente. Soprattutto della povera gente.

Il prof. Valter Capezzali ha affrontato il problema della biblioteca con particolare attenzione alle varie attività e alla collaborazione di Italo, da amministratore provinciale, in difesa della biblioteca Salvatore Tommasi . Bella l’intervista a Valentina Grossi la quale ha sostenuto che la politicaodierna non sarebbe piaciuta a suo padre e quando la giornalista le ha chiesto una parola per definire suo padre ha risposto senza esitazione:” ONESTA’ “. Degli intervalli musicali dei “GioCo Sax“ e dei video proiettati hanno resa la serata magica e piacevole.

Il momento altamente toccante si è avuto quando il Vice presidente, Alfredo Ranieri Montuori, dell’Associazione” l’Aquila Siamo Noi “ ha donato un omaggio floreale a Valentina in cui primeggiava una rosa rossa al centro, simbolo dell’Aquila che non si arrende e vuole sperare, pregandola di portarla alla tomba di suo padre.

La serata ha avuto, a rispetto della memoria di Italo, anche un fine benefico poiché sono stati raccolti fondi per l’Associazione Avulss che si occupa dell’assistenza in ospedale a persone sole e in difficoltà. E’ proprio vero il tempo e le persone passano il ricordo rimane e le rende immortali.

Questa una delle mie poesie del 5 febbraio 2013 scritta in onore del grande Italo Grossi: un gigante con il cuore da bambino.

Poesia per Italo Grossi

Grande compagno che tra gli immortali

Ti sei addormentato nella pace eterna

Azzerando tutti i tuoi terreni mali

Dell’onestà lasciasti accesa la lanterna

Crediamo in te e siamo ancora tali e quali

Il tuo ricordo è sempre vivo e ci affraterna

Sei stato e rimani un abile guerriero

Maestro di vita, di lotta e di pensiero.