IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio

Sport

L’Aquila Calcio agguanta il pari con l’Arezzo

Tremolada trova il vantaggio con una punizione spettacolare, ma sbaglia un rigore: Sandomenico torna in pari nella ripresa. Troppo tempo regalato agli avversari.

di Claudia Giannone

L’Aquila perde il pelo, ma non il vizio: Arezzo superiore, i rossoblù si svegliano in ritardo e, come sempre, non è abbastanza per riuscire a fare bottino pieno. Un punto è pur sempre un punto, ma bisogna chiedersi se un punto alla volta sarà abbastanza per salvarsi. E mentre il Savona vince per 4-2 contro la Maceratese, è forse arrivato il momento di decidersi a fare qualcosa in più per questa compagine.   L’atteso Milicevic non inserito tra i titolari riesce a trovare spazio solo nella ripresa: per il resto, nessuna novità. In campo sia De Sousa che Perna, linea difensiva a tre composta da Sanni, Cosentini e Anderson. Ci sarà ancora da attendere per Maccarrone, mentre la prossima settimana dovrebbe essere pronto Pesoli. Bensaja dal primo minuto, panchina per Triarico.   Squadre che iniziano a muoversi al 16′ minuto: Sandomenico dal vertice dell’area crossa basso per Perna, che si lascia intercettare da Baiocco. Risponde l’Arezzo un minuto dopo, con un tiro molto potente di Capece che manca di poco la porta. Il match si accende e le due compagini iniziano a lanciarsi fulmini e saette.

l'aquila calcio arezzo

È al 32′ che il risultato cambia, a favore degli ospiti. De Francesco, con un tocco di mano, regala un calcio di punizione al limite dell’area agli avversari: Tremolada calcia con forza e precisione e il suo tiro non può che trasformarsi in un goal spettacolare. L’Aquila cerca di reagire: Bensaja, autore del goal che all’andata regalò la vittoria al capoluogo abruzzese, al 37′ minuto cerca il pari, ma il suo tentativo viene messo fuori dall’intervento miracoloso dell’estremo difensore toscano.  Intanto, l’Arezzo rischia di trovare il goal del pari: al 45′, rigore assegnato al team di Ezio Capuano, ma Tremolada dagli undici metri non calcia al meglio e la palla si trova tra le braccia di Scotti, che in due tempi riesce a bloccare. Prima vera occasione nella ripresa affidata a Sandomenico: al 17′, un suo tiro cerca di violare la porta difesa da Baiocco, ma il portiere ancora una volta si oppone. Nulla di fatto. Stesso discorso sul versante avversario: un minuto dopo, Tremolada parte all’attacco, ma ancora una volta Scotti dice di no e devia in angolo.

l'aquila calcio arezzo

È al 25′ che L’Aquila trova il guizzo vincente con Sandomenico: solo dinanzi al portiere, il numero sette aquilano non sbaglia e riesce a scavalcarlo, centrando la porta con freddezza e riportando il pari sul campo. Si risvegliano i rossoblù, che soprattutto negli ultimi minuti tentanto l’estremo assalto alla porta di Baiocco: se la squadra avesse iniziato a giocare prima in questo modo, forse avrebbe costruito qualcosa in più. Si termina sul risultato di 1-1, ora in vista c’è il Pontedera.

L’AQUILA CALCIO: Scotti, Sanni, Piva, Cosentini, Anderson, Bensaja, Sandomenico, De Francesco, De Sousa (12′ st Milicevic), Mancini, Perna (40′ st Stivaletta). A disp.: Savelloni, Bigoni, Ligorio, Triarico, Palestini, Mancini A., Ceccarelli. All. Carlo Perrone.   AREZZO: Baiocco, Panariello, Madrigali, Benedetti (20′ st Gambadori), Carlini, Sabatino, Feola, Capece, Cori (28′ st Defendi), Tremolada, Bentancourt (37′ st Calabrese). A disp.: Ronchi, De Martino, Milesi, Brumat, Bernardini, Pugliese, Masciangelo, Garbinesi. All. Ezio Capuano.   ARBITRO: Meleleo (Casarano).

ASSISTENTI: Benedettino (Bologna), Campitelli (Termoli).

MARCATORI: 32′ pt Tremolada, 25′ st Sandomenico.

RECUPERO: 1′ pt, 3′ st.   NOTE: 738 spettatori (244 abbonati).

l'aquila calcio arezzo