IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio

Disagi per gli studenti di Giurisprudenza: solidarietà dall’Udu di Teramo

“Come studenti e come loro rappresentanti siamo fortemente solidali con gli studenti di Giurisprudenza della sede distaccata ad Avezzano dell’Università degli Studi di Teramo. Non riteniamo possibile, nel modo più assoluto, che detti studenti, che in nulla differiscono da quelli della sede centrale di Teramo, subiscano tali disagi.” lo afferma, in una nota, l’Udu di Teramo.
“Come gli studenti teramani, quelli di Avezzano versano all’UniTe un importo di tasse tale da garantire tutti i servizi indispensabili: biblioteca, trasporti, mensa, aule adeguate allo svolgimento delle lezioni universitarie. Non è assolutamente concepibile che gli studenti non abbiano a disposizione dei video proiettori, pc funzionanti e microfoni adatti alle esigenze didattiche quotidiane. Non possiamo tollerare che si svolgano le lezioni in uno stabile situato lontanissimo dal centro, e per di più condiviso con allievi di una scuola professionale.
L’unico modo che gli studenti hanno a disposizione per raggiungere quella sede è la disponibilità di auto private, dal momento che gli unici autobus utilizzabili sembrano essere uno extraurbano – che collega altre località limitrofe alla cittadina avezzanese – e uno urbano – che collega la città al Cimitero -, entrambi con orari non confacenti alle esigenze degli universitari.
La lontananza della sede dal centro della città impedisce agli stessi di usufruire adeguatamente del servizio mensa e della biblioteca “Regione Abruzzo – UMA” (che ricordiamo non è una biblioteca universitaria) entrambe situate in centro.
Sollecitiamo le istituzioni competenti, Università e Comune, affinchè si adoperino celermente nello spostamento delle aule e degli uffici di Segreteria dalla sede attuale a quella predisposta e sicuramente centrale del Liceo Classico Statale “A. Torlonia”, come da accordi che sembrano essere stati già presi.”