IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio

‘L’Aquilone’ resta senza fermata bus, tanti i disagi

Riceviamo e pubblichiamo la seguente segnalazione:

« Una forte situazione di disagio  si sta creando tra gli utenti Ama a causa della soppressione della fermata Ama sita nel parcheggio del centro commerciale L’Aquilone.
Come ogni anno noi utenti sappiamo che in occasione delle feste natalizie (causa forte affluenza di gente nel centro commerciale) il parcheggio viene chiuso ai bus per lasciar posto alle auto.
Quest’anno invece siamo al 12 gennaio e il capolinea non viene ancora riattivato.
Confrontandomi con operatori Ama e’ emerso che anche al di fuori di suddetto periodo festivo molto probabilmente non potranno più salirvi in quanto la maleducazione degli avventori del centro commerciale la fa da padrona.
Questo perché in continuazione parcheggiano le proprie autovetture nel parcheggio dedicato agli autobus (addirittura a ridosso della grande pensilina all’interno del parcheggio) impedendo le manovre ai bus che rimangono imbottigliati li generando ritardi sulle corse.(I dipendenti del conad che continuamente all’altoparlante sono costretti al C’e’ da spostare una macchina)
Nella giornata di ieri io giovane donna ho dovuto aiutare una signora anziana a trasportare le borse della spesa in condizioni meteo pessime fino all’attuale capolinea sito in Via Saragat (supermercato Ins). Capolinea tra l’altro al buio visto che il viale e’ completamente spento non si capisce il motivo.
Tutto questo a causa dell’alto menefreghismo di chi comodamente riprende la sua vettura e gira la chiave tornandosene a casa…
Menefreghismo le cui conseguenze le pagano le persone che ahime’ viaggiano con i mezzi.
Chiediamo pertanto alla direzione del centro commerciale di trovare una soluzione per questo benedetto capolinea (visto che le macchine continuano ad invaderlo senza poter fare nulla i vigili perché proprietà privata) e si chiede agli avventori del centro un minimo di  senso civico e un po’ più di educazione».
Una lettrice