IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio

Gransassopoli. Errori, crisi, rilancio

L’associazione Gran Sasso Anno Zero dà appuntamento venerdì 15 gennaio, alle ore 17, presso l’Auditorium del Parco a L’Aquila per un momento di discussione su progetti concreti, rapidi e fattibili per il rilancio del Gran Sasso.

Come associazione, ci sforziamo di stimolare la riflessione e la partecipazione della comunità, ma anche di monitorare la gestione di un bene comune come il Gran Sasso, denunciando gli errori commessi e incalzando le istituzioni a fare meglio.

GRANSASSOPOLILa scelta del titolo “Gransassopoli“, è una provocazione che non si discosta di molto dalla situazione che stiamo vivendo: negli anni passati e ancora oggi, la gestione e la promozione del territorio, delle strutture esistenti e del centro turistico sono sembrate talmente approssimativa e clientelare da ricordarci il gioco del Monopoli.

In continuità con i momenti di approfondimento organizzati negli ultimi due anni – l’ultimo dei quali all’interno del Festival della Montagna 2015 – in questo incontro andremo oltre la solita polemica: presenteremo dei progetti relativi alle attività montane di snowboard, mtb e freeride  che potrebbero essere realizzati subito, con poca spesa, impatto minimo e grandi risultati di attrattiva turistica. Crediamo che oggi non ci siano più scuse per l’immobilismo nella gestione delle nostre montagne.

Come sempre, il nostro intento è rilanciare il protagonismo e le idee della comunità e di chi la montagna la vive davvero. Fatti, tempi e risorse per ciò che si può fare subito, perché il futuro del Gran Sasso può iniziare già oggi.

Interverranno per dare risposte circa la realizzazione dei progetti i seguenti rappresentanti istituzionali: Massimo Cialente, sindaco dell’Aquila; Giovanni Lolli, vicepresidente della Regione Abruzzo; Fulvio Giuliani, amministratore unico Ctgs; Claudio Ucci, coordinatore DMC Gran Sasso – Laga.

Invitiamo tutta la cittadinanza, e in particolare chi ha a cuore lo sviluppo sostenibile, rispettoso e condiviso del Gran Sasso, a partecipare all’iniziativa.