IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio

Avezzano, Di Pangrazio defenestra anche Presutti

di Roberta Galeotti

Natale di divorzi nel Comune di Avezzano, dove il sindaco Di Pangrazio ha recapitato un panettone assai amaro al suo ex prediletto assessore alle Politiche ambientali e arredo urbano, Crescenzo Presutti.

E’ di poche ore fa la notizia dell’ennesimo avvicendamento nei banchi della Giunta Di Pangrazio dell’avvocato Presutti, subentrato per ragioni di equilibri politici a Roberto Guanciale. Dall’insediamento del sindaco, giugno 2012, ad oggi si sono avvicendati ben 14 assessori.

«Ci sono le questioni di grande politica e quelle di piccola politica – ha commentato l’assessore epurato Crescenzo Presutti al Capoluogo -. La mia personale vicenda appartiene a quest’ultima. Quelli che la pensano come noi sono quelli che non la pensano come noi, scriveva Sciascia in una normale democrazia il dissenziente è l’avversario che rafforza anche il capo perché lo affronta con la dialettica, libro contro libro, intelligenza contro intelligenza.

presutti di pangrazio

Ma il capo non sempre è in grado di ascoltare e talvolta percepisce la critica come un complotto e scambia l’ironia con l’infedeltà. La scorciatoia dell’epurazione e la sostituzione dei dissidenti con i transfughi pentiti della minoranza non porta nulla di leggero e di pulito – conclude l’avvocato Presutti -, ma solo il ghigno truce di chi non sa ridere di sé e festeggia una vittoria di piccola politica. Dispiace solo sapere che ancor oggi vale il principio che: se vogliamo che tutto rimanga come è, bisogna che tutto cambi».

Insomma, il quinquennio del sindaco Di Pangrazio sta per giungere al termine, ma  ancora la giunta non sembra aver trovato il suo equilibrio politico per poter amministrare, o addirittura governare la martoriata città di Avezzano. Il ‘capoluogo della Marsica’, come ama chiamarlo il primo cittadino, andrà al voto a maggio 2017 e la giunta tecnica scelta dal sindaco non è riuscita a passare il testimone a candidati politici soddisfacenti le aspettative del primo cittadino.

Due gruppi di maggioranza, Udc e Partecipazione popolare, sarebbero pronti a passare in opposizione se le deleghe di Presutti andassero a finire nelle mani di altri. «Con stupore e disappunto apprendiamo la notizia della inopinata revoca, da parte del sindaco, delle deleghe a suo tempo conferite all’amico assessore Crescenzo Presutti – hanno commentato Emilio Cipollone e Stefano Chichiarelli – Di Pangrazio non solo non ha concordato la decisione con i sottoscritti ma ha deciso intraprendere un percorso non più condiviso con la parte politica che rappresentiamo. A circa un anno dalle elezioni amministrative, il sindaco ha ritenuto di modificare, con atto unilaterale, l’assetto della maggioranza che lo accompagnerà fino alla fine del suo mandato amministrativo. Prendiamo atto della decisione del sindaco annunciando che, sin da ora, ci riterremo liberi di agire nell’esclusivo interesse della città, senza soggiacere ad alcuna logica di appartenenza. Il permanere di questa decisione, implica necessariamente l’adozione, da parte nostra, di percorsi diversi per quanto attiene alle future scelte politiche».

«La composizione della giunta Di Pangrazio – per Massimo Verrecchia – fa pensare alla nota trasmissione ‘Avanti un altro’ ma la differenza è che il programma condotto da Bonolis è divertente. Il 28 luglio scorso -ricorda Verrecchia – a seguito dell’ennesimo rimpasto in giunta, nell’augurare buon lavoro ai neo assessori, avevamo dato il consiglio di “non fare troppo” altrimenti il sindaco Di Pangrazio li avrebbe cacciati. Ebbene il malcapitato Presutti, evidentemente troppo impegnato a svolgere il suo compito nel migliore dei modi, non ha recepito il buon consiglio la cui violazione lede il principio tanto caro al sindaco Di Pangrazio ossia quello di ‘lesa maestà’. Non pensiamo che questa ennesima decisione lasci insensibili alcuni consiglieri di maggioranza, molti dei quali sono relegati sino ad oggi, al solo ruolo di “yes man”, ma ci saranno probabili scossoni . Non vorremmo che questa maggioranza – conclude Verrecchia – si regga con i soli voti determinanti di chi è stato eletto all’opposizione e con la ormai nota compiacenza di alcuni dirigenti di alcuni partiti di centrodestra ad Avezzano che, anziché svolgere un doveroso ruolo di opposizione, hanno svenduto vergognosamente il loro silenzio per un piatto di lenticchie».