IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio

Coldiretti: lenticchie di S.Stefano gettonate per il cenone

Saranno le lenticchie di Sano Stefano di Sessanio le protagoniste della tavola abruzzese di Capodanno. I buongustai e gli appassionati del made in Italy alimentare, secondo una stima di Coldiretti, non rinunceranno ad uno dei prodotti tradizionali più conosciuti ed apprezzati dagli abruzzesi, e non solo, per un cenone per il quale saranno destinati in media 95 euro a famiglia, il 25 per cento in piu’ dello scorso anno, segno che gli italiani preferiscono una buona cena piuttosto che uscire nelle piazze, al cinema, a teatro, nei concerti o nelle discoteche, dopo i recenti fatti di cronaca.

Dalla stime di Coldiretti emerge che il 31 per cento degli italiani ha tagliato la spesa per i divertimenti di fine anno. Quasi due italiani su tre (63 per cento) consumeranno a casa il cenone di fine anno, divisi tra chi preferisce organizzare nella propria abitazione (39 per cento) e chi è stato invitato da amici o parenti (32 per cento) mentre tra chi sceglie di mangiare fuori, il 9 per cento – sottolinea la Coldiretti – va al ristorante e il 3 per cento preferisce l’agriturismo dove cresce la presenza di giovani che trascorrono la notte più lunga dell’anno nella tranquillità delle campagne facendosi tentare dalle golosità gastronomiche tradizionali presenti sulle tavole imbandite degli agriturismi senza farsi sconvolgere dalle chiassose feste in piazza e dalle lunghe serate delle discoteche.

Dopo spumante e panettone, sul podio dei prodotti irrinunciabili delle feste di fine anno salgono – sottolinea la Coldiretti – il cotechino o lo zampone che vengono gustati a tavola da piu’ di due italiani su tre (67 per cento) spesso in accoppiata con le lenticchie (80 per cento). Sul 59 per cento delle tavole ci sarà l’uva ma il segno di una maggiore attenzione all’economia nazionale e alla sobrietà dei comportamenti viene anche dal fatto che le ostriche rimangono un must per appena il 13 per cento degli italiani, anche se il 58 per cento non rinuncia al salmone. Si stima che saranno serviti – sottolinea la Coldiretti – 6,5 milioni di chili di cotechini e zamponi con una netta preferenza per i primi. ll rinnovato interesse per questi pregiati prodotti della salumeria “Made in Italy” è accompagnato dalla presenza delle lenticchie. Tra le piu’ note quelle del Castelluccio di Norcia Igp, ma anche quelle inserite nell’elenco delle specialità tradizionali nazionali come le lenticchie di S.Stefano di Sessanio (Abruzzo), di Valle agricola (Campania), di Onano, Rascino e Ventotene (Lazio), Molisane (Molise), di Villalba, Leonforte, Ustica e Pantelleria (Sicilia) o umbre quali ad esempio quelle di Colfiorito.

Se lenticchie e cotechino hanno un consumo soprattutto nazionale per lo spumante italiano la maggioranza dei botti avverranno all’estero dove per le sole festività di fine anno salgono a 190milioni le bottiglie stappate fuori dai confini italiani secondo una stima della Coldiretti. Si tratta di un record storico per lo spumante Made in Italy all’estero dove si registra un balzo del 13 per cento nelle bottiglie esportate, sulla base dei dati Istat nei primi nove mesi del 2014. All’estero – continua la Coldiretti – non sono mai state richieste cosi tante bollicine italiane come quest’anno, in netta controtendenza alle difficoltà dell’economia nazionale. Anche in Italia – conclude la Coldiretti – si registra dopo sette anni di riduzioni una svolta positiva con 52 milioni di tappi di spumante Made in Italy che salteranno nelle feste di fine anno, in aumento del 4% per cento.