IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio

Omicidio Stradale passa in Senato

di Roberta Galeotti

Da una iniziativa parlamentare congiunta cui ha partecipato anche la senatrice aquilana Stefania Pezzopane l’Omicidio Stradale ha compiuto un altro importante passo avanti verso la LEGGE.
«Con il voto di fiducia del 10 dicembre scorso al Senato – spiega Stefania Pezzopane -, la legge sull’omicidio stradale, che dovrà tornare alla Camera per l’approvazione definitiva, compie un altro passo avanti fondamentale. Grazie a questa legge non ci saranno più casi di impunità per chi si mette al volante ubriaco e drogato e uccide o ferisce gravemente qualcuno. In Abruzzo, a Celano, abbiamo avuto la vicenda di Marco Zaurrini, quindicenne travolto e ucciso da un pirata della strada poi risultato positivo ai test su droga e alcol. Un dramma che ha sconvolto una famiglia e una comunità, come purtroppo molti altri in Italia, che oggi trova una prima risposta, seppure parziale, da parte dello Stato.
Per l’omicidio stradale – conclude la Pezzopane – potranno essere comminate pene fino a 12 anni, con aggravanti per chi si dà alla fuga o guida senza patente o senza assicurazione. Oggi le associazioni delle vittime della strada hanno constatato il grande sforzo di equità e giustizia che siamo riusciti a portare avanti».

«Soddisfazione sì… ma quanta amarezza, se si pensa a quante Vite si sarebbero potute salvare se solo ci avessero dato ascolto prima» Le parole amare di Erina Panepucci, Vice Presidente dell’associazione vittime della strada, Avisl Onlus.  «Conduciamo questa battaglia da 5 anni e in questo lunghissimo tempo, necessario al riconoscimento della legge, qualche vita si sarebbe potuta salvare».

Le associazioni non sono soddisfatte fino in fondo per il testo della legge passato in Senato, in quanto avrebbero voluto l’inasprimento delle pene per il reato di ‘Guida distratta‘, cui sono state elevate le sanzioni amministrative ma non quelle penali.

«Non brinderemo – il triste commento della Panepucci, raggiunta dal Capoluogo -, è una vittoria macchiata dal sangue dei nostri figli».

«La senatrice Pezzopane si è impegnata molto al nostro fianco per questa battaglia fondamentale – ha aggiunto la Panepucci -. Siamo riusciti a far aggiungere alla prima bozza di legge il riconoscimento dell’elevata velocità e del passaggio con il rosso. Anche la sospensione della patente per 30 anni nei casi più gravi sarà un grande deterrente».

 

Qui il testo definitivo del DDl ‘Omicidio stradale’

2015-DDL_Omicidio_stradale_Seconda_lettura