IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio

Case Sassa: infiltrazioni d’acqua. Residenti muniti di secchi

A più di sei anni dal terremoto, vivere negli alloggi del progetto case vuol dire anche munirsi di secchi e  silicone per fronteggiare le infiltrazioni d’acqua e di una buona dose di pazienza .

Accade nel progetto case di Sassa Nsi. Piastra numero 14. Il primo piano è di nuovo allagato: acqua in camera e nella zona giorno, lo segnala un inquilino del primo piano.

Questa piastra non è tra quelle da sgomberare a causa dei balconi pericolanti, ma presenta il problema delle infiltrazioni, che è storia vecchia.

«A Natale 2013 – racconta a Il Capoluogo.it una residente – si è verificato il primo episodio. L’acqua piovana scorre e penetra nelle rifiniture dei balconi e si infiltra dovunque. Nel mio appartamento, prima di essere trasferita a causa di questo problema, sgocciolava dai buchi delle plafoniere, al centro della stanza da giorno».

Il comune già da allora fece questi sopralluoghi, chiedendo ai residenti di intervenire  con dei sigilli di silicone che tamponano la situazione.

Il problema adesso è diventato più complicato dal momento che c’è l’ordinanza che vieta di uscire sui balconi a causa del rischio crollo.

Quindi gli inquilini anche se volessero risolvere il problema da soli, con i soliti sigilli di silicone, questa volta non possono.

«Le infiltrazioni  sono continue in questi giorni, in vista del freddo la situazione peggiorerà. Cosa pensa di fare il comune?»