IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio

Asl L’Aquila, nuova tecnica ‘salva-utero’ strega la Cina

L’utero recuperato, anziché asportato, in seguito a un crollo genitale, che dà possibilità di procreare ancora e tenere vivo il desiderio della maternità: è l’effetto dell’inedita tecnica chirurgica, già praticata con successo su 12 pazienti in Abruzzo, per la quale L’Aquila è stata invitata in Cina a tenere una lectio magistralis sull’argomento.

Il 28 novembre prossimo a Shenyang, megacittà con 8 milioni di abitanti, a 600 chilometri da Pechino, l’innovativa procedura chirurgica ginecologica, che evita la ‘rottamazione’ di uteri danneggiati, parlerà aquilano (ma si esprimerà rigorosamente in inglese) grazie al professor Gaspare Carta, direttore di ostetricia e ginecologia dell’Aquila, ospite d’onore al congresso nazionale degli uro-ginecologici d’Oriente.

Gli echi della novità, intrapresa nel capoluogo d’Abruzzo, sono risuonati fino al Paese del Dragone dove l’ospedale aquilano, tramite la ginecologia, brillerà di luce propria in un contesto ai massimi livelli della medicina cinese.

In cosa consiste il nuovo approccio, in sala operatoria, capace di illuminare di interesse e curiosità gli occhi degli specialisti asiatici?
«Nel nostro reparto dell’Aquila – spiega Carta – già da diversi mesi percorriamo una strada nuova nel trattamento chirurgico dell’utero danneggiato dal cedimento dell’apparato genitale femminile. Il crollo del pavimento pelvico della donna è causato dallo sforzo sostenuto dai muscoli e dai tessuti durante il parto. Il cedimento, nei casi di massima gravità, coinvolge anche l’utero che scende fino a fuoriuscire dall’apparato genitale, ragion per cui viene in genere asportato. Rimozione che, soprattutto nelle donne più giovani che possono ancora avere figli, ha un impatto molto pesante sia sul desiderio di maternità sia sul rapporto di coppia col partner». «Con la procedura che abbiamo messo a punto – aggiunge Carta – ci occupiamo dei casi col livello più alto di gravità, il quarto stadio: l’utero, seppure fuoriuscito, viene ricollocato all’interno dell’apparato riproduttivo femminile e la paziente può così continuare a procreare. Oltre al parto, che indebolisce l’insieme di muscoli, il crollo genitale si accentua con la menopausa che genera carenza di ormoni».

Per Carta la lectio magistralis sul podio di Shenyang, oltretutto, sarà il preludio a un’importante investitura: a dicembre infatti assumerà la carica di presidente nazionale dell’Aiug (associazione italiana urologia ginecologica).

Da quando, già alla fine del 2014, all’Aquila si cominciò ad adottare questa tecnica ‘salva utero’, sono stati effettuati 12 interventi chirurgici, tutti con riscontri positivi, su donne tra i 36 e i 55 anni. Il ‘red carpet’ concesso all’ospedale del San Salvatore dall’uroginecologia cinese, non è certo casuale. Il reparto aquilano ha maturato da anni una lunga esperienza, in particolare sulla ricostruzione del pavimento pelvico e, oltre a circa 300 interventi chirurgici, assicura ogni anno oltre 2.000 prestazioni, tra visite e trattamenti ambulatoriali, tramite il Pelvic Center, un servizio esclusivo in regione su specifiche problematiche riguardanti malattie uro genitali delle donne.

X