IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio

Buste minatorie all’Istituto Zooprofilattico, donna aquilana presunta mittente

Prima una busta contenente polvere bianca, poi una lettera minatoria scritta a mano. I carabinieri della stazione di Teramo e del nucleo operativo e radiomobile della compagnia di Teramo hanno identificato e denunciato il presunto autore delle lettere ricevute dall’Istituto Zooprofilattico di Teramo, che hanno suscitato allarme e preoccupazione.

I militari hanno individuato l’ufficio postale di partenza delle due buste identificando la presunta responsabile: si tratterebbe di una donna residente in una frazione del Comune dell’Aquila, sofferente di disagio psichico. Nessun movente diretto a giustificazione del gesto.

La sostanza contenuta nella busta, di cui si attende l’esito delle analisi di laboratorio, è con ogni probabilità semplice farina di grano.

La donna deve rispondere di procurato allarme e minaccia aggravata.

La direzione dell’Istituto Zooprofilattico Sperimentale dell’Abruzzo e del Molise “G. Caporale”, nella persona del direttore amministrativo Giancarlo Cecchini, esprime «i più sinceri sentimenti di gratitudine al nucleo operativo e radiomobile della Compagnia dei Carabinieri di Teramo, in particolare al maggiore Riziero Asci, al maresciallo Vinci e a tutti i collaboratori dell’Arma, per la fattiva e immediata attività svolta e per la rapida risoluzione della vicenda delle lettere minatorie anonime inviate all’Izsam».

 

X