IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio

Croissant fatti in casa

È bello svegliarsi al mattino e sentire un profumo di buono provenire dalla cucina!
Crescere in quei contesti, dove soprattutto le nonne, patrimonio dell’Unesco, non aspettavano altro che questo momento per rimpinzare i “poveri” nipoti…
«Devi crescere bella di nonna»
«Si nonna ma magari in altezza e non in larghezza!»
Memore del profumo del ciambellone sempre appena fatto, il pentolino con il latte appena munto, e si, ci sono ancora dei trentenni figli di generazioni quasi agresti, in cui a fare da padrone erano le cose semplici e genuine!
È importante in una casa dare spazio almeno ad un pasto al giorno per ritrovarsi, che sia al mattino così come alla sera, ma andiamo tutti troppo di corsa, tutti presi da qualcos’altro, con il telefonino e il tablet sotto gli occhi e le cose che scaldano il cuore sempre più lontano!
Incontrarsi, parlare, scambiarsi le impressioni sul giorno che è appena stato e su quello che verrà…
L’alimentazione sta cambiando, si è presa finalmente coscienza sui danni e sui rischi legati all’assunzione continua e smodata di grassi animali, zuccheri fino allo sfinimento e surrogati del buono e vecchio olio evo…
Tutti i supermercati hanno abbinato agli alimenti classici una quantità di semi e semini degni di un pollaio, tanti prodotti recitano la sigla bio, con la quale ci riempiamo la bocca e poi magari sono prodotti provenienti nella migliore delle ipotesi dalla terra dei fuochi o limitrofi!
Quindi, tornando alla semplicità di un qualcosa di buono, per cominciare la giornata, ecco qui un bel croissant, senza uova, senza burro, di facilissima preparazione e dalla resa strepitosa…
Cominciamo:
150 gr  circa di farina di farro, di segale  o per dolci
80  gr manitoba( è il segreto per renderli morbidissimi)
60 gr zucchero( io uso quello di canna) o in alternativa un paio di cucchiai di sciroppo di agave
30 ml di olio( evo o di semi a seconda dei gusti, per quanto riguarda l’ultimo, sincerarsi sempre della provenienza)
Vanillina o baccello di vaniglia( a piacere)
1/2 cubetto di lievito di birta
Buccia di 1 arancia o 1 limone  o 1 cucchiaio di aroma fiori di arancio
Bevanda di soia (io ne uso uno alla vaniglia, STREPITOSO) q.b.
Sciogliere il lievito in poca soia tiepida,aggiungere metà dose delle due  farine e un pizzico di sale e lavorare  fino ad ottenere un panetto liscio e non appiccicoso.
Lasciare in una ciotola 2 ore circa  a lievitare nel forno spento coperto da un panno(ho scaldato 5 min il forno a 60 gradi), oppure comunque in un luogo asciutto (ricordiamoci sempre che le temperature troppo basse bloccano la lievitazione).
Trascorso questo tempo riprendere l’impasto, su una spianatoia infarinata e  lavorarlo.
Intanto in  un’altra ciotola  versare la restante parte delle farine con il resto degli ingredienti e aggiungere  il panetto lievitato( la prossima volta io metteró anche della cannella),stenderlo con il mattarello e formare un cerchio, non tropp spesso, non troppo sottile  e con un coltello o taglia pasta tagliare dei triangoli, tutti uguali partendo dal centro.
Mettere un cucchiaino di marmellata (in questo caso di ciliegie,autoprodotta a giugno)  e arrotolare fino a dare la forma del cornetto!
A questo punto possono andare a riposare  sulla teglia, con carta forno ben distanti l’uno dall’altro e far lievitare  al caldo e coperti tutta la notte( sono scelte personali, basta anche una sola oretta).
Prima di infornarli a 180 per circa 15 min, spennellarli con un pochino di soia/latte  e spolverarli  con dello  zucchero di canna.
La colazione è servita, non resta che augurarsi buongiorno, abbracciare qualcuno, farsi un sorriso e preparare un buon caffè!
A presto
Zia Ló