IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio

L’Aquila, cercasi 22 professionalità in comune

La giunta comunale ha deliberato di potenziare  i servizi di natura tecnica e di assistenza qualificata, assumendo personale con incarico a tempo determinato, per 6 mesi, pari a complessive 22 unità. Il reclutamento avverrà prioritariamente attingendo alle graduatorie degli idonei del cosiddetto concorso Ripam Abruzzo, oppure, nel caso di figure professionali con particolari specializzazioni, da altre graduatorie esistenti nell’ente.

Le risorse impegnate, pari a 400mila euro, provengono da fondi Cipe previsti dalla delibera 22 del 2015, per le necessità conseguenti al sisma, al fine di assicurare e rafforzare l’apporto di competenze professionali. In particolare verranno assegnate 7 unità di personale al settore Ricostruzione pubblica e Patrimonio, 6 alla Centrale unica di committenza (Cuc), 3 al settore Risorse finanziarie, 2 all’Avvocatura, 2 al settore Politiche sociali, 1 al settore Pianificazione e 1 al settore Attività produttive.

“Gli Uffici comunali – ha dichiarato il sindaco Massimo Cialente – sono notoriamente in affanno, a seguito del sisma, costretti a fronteggiare una mole notevole di lavoro, in termini di pratiche, e con un’attività di relazioni con il pubblico, per le varie problematiche connesse ai singoli settori, che è sempre crescente per numero di utenti assistiti. Ricordo che il Comune dell’Aquila può contare su 355 dipendenti “storici”, cui si aggiungono i 124 del concorso Ripam. In tutto 479 dipendenti, molti di meno di altri Comuni di pari grandezza che, tuttavia, non devono fronteggiare un’emergenza epocale come la nostra. Per tale ragione non siamo sempre in grado di dare all’utenza la risposta che vorremmo. Queste nuove risorse, previste dalla legge per la Ricostruzione della città dell’Aquila, nella parte relativa agli enti locali, ancora una volta, non daranno una risposta completa, né tantomeno definitiva, alla carenza di personale. Tuttavia, sulla base delle esigenze dei vari settori, come prospettate dai rispettivi dirigenti, abbiamo provveduto a incrementare le risorse di personale, attraverso servizi tecnici e di assistenza qualificata. Una risposta parziale, ribadisco, che ci obbligherà a chiedere al Governo ulteriori risorse ai fini di un’adeguata programmazione gestionale”.

“Gli obiettivi che ci siamo preposti – ha aggiunto l’assessore alle Risorse umane Betty Leone – sono due, in particolare. Quello cioè di utilizzare le somme a disposizione per sostenere gli uffici che si occupano, direttamente o indirettamente, di Ricostruzione e quello di dare un’occasione agli idonei del concorso Ripam, mettendo insieme le necessità dei settori comunali e   l’utilizzo delle professionalità disponibili”.