IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio

Arte e Musica, doppia ‘Prima’ a Palazzo Fibbioni

Apre il 22 ottobre alle ore 18.00, a Palazzo Fibbioni, la mostra “I Canti della terra”, che inaugura, a L’Aquila, l’attività del nuovo Polo Museale d’Abruzzo, anteprima della collezione acquisita, nel 2012, per la futura sezione di Arte Contemporanea del Museo Nazionale d’Abruzzo, grazie al contributo della Direzione Generale del Ministero per i Beni e le Attività Culturali e il Turismo.

La mostra propone sculture e grafiche di Sebastiano A. De Laurentiis, capisaldi dell’attività romana degli Anni Sessanta e Settanta. E’ del 1965 il manifesto dell’esposizione – “uova rinserrate nel duro e spinoso filo di ferro… con esso si difendono e da esso vengono brutalmente mortificate. Tra pietà e dolore, tra protesta e sofferenza” (L. Tundo in Arte e Poesia) – mentre le grafiche testimoniano la padronanza della tecnica incisoria, in particolare l’acquaforte, approfondita e perfezionata dopo l’incontro a Roma nel 1964 con Maurizio Calvesi, allora direttore della Calcografia Nazionale. Notevoli le incisioni a più strati appartenenti alla serie i Muri d’Italia, singolare documento della protesta post sessantottina. Negli altri raffinatissimi cinque fogli incisi affiora, invece, l’amore per la Natura che dagli esordi giunge al recente “Canti della terra”, ricerca ostinata, negli ultimi vent’anni, verso lo straordinario paesaggio della sua terra, il territorio abruzzese fra i fiumi Sangro e Aventino, ad est della Maiella, l’alta montagna dell’Appennino recepita dalle popolazioni come una sorta di grande madre. In mostra sarà anche possibile, con una videoproiezione, rintracciare i percorsi di ricerca culminanti nell’esposizione che si propone con le immagini di altre opere che De Laurentiis ha realizzato nel tempo.
Catalogo a cura di Lucia Arbace, con testi di Lucia Arbace, Leo Di Loreto, Lucia Zappacosta, edito da Artstudio Paparo.

In occasione del vernissage, si terrà un concerto con reading di poesie ispirate alle visioni suggerite dalle opere di De Laurentiis: l’attrice Franca Minnucci leggerà, a sua scelta, brani di autori classici del Novecento, Salvatore Quasimodo, Pablo Neruda, Cesare Pavese, e poesie di due giovani autrici, Svetka Šmitran e Chiara Coppa Zuccari.
La parte musicale, eseguita dai Cameristi dell’Orchestra Sinfonica Abruzzese offrirà musiche di Samuel Barber, Claude Debussy, Bèla Bartók e sarà, inoltre, la prima occasione di ripresa dell’attività concertistica della Istituzione Sinfonica Abruzzese che qui presenta la sua compagine nella formazione cameristica dell’orchestra d’archi, particolarmente adatta allo spazio raccolto del Salone al primo piano di Palazzo Fibbioni dallo straordinario soffitto ligneo dipinto alla fine del sedicesimo secolo per Giovambattista Fibbioni.

Finissage martedì 3 novembre ore 18,00 con concerto cameristi Istituzione Sinfonica Abruzzese. L’ingresso ai concerti è gratuito fino ad esaurimento posti.

Mostra aperta fino al 3 novembre. Orario: tutti i giorni 9,00-19,00 – Info: pm-abr@beniculturali.it

X