IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio

Asl L’Aquila, Cup potenziato

L’Aquila – Forte miglioramento del servizio per l’utenza attraverso il raddoppio delle postazioni di lavoro e un maggior numero di ore di attività al call center.

E’ quanto scaturito dall’incontro programmato, svoltosi oggi tra la Direzione della Asl e i responsabili della società Gpi che gestisce, per conto dell’azienda sanitaria, il servizio Cup e pagamento ticket. Mai i sindacati scontenti della gestione del personale minacciano un nuovo sciopero per il 3 e 4 novembre prossimi.

“Abbiamo definito”, afferma la Direzione Asl, “il potenziamento del servizio Cup per dare risposte concrete alle richieste dell’utenza che chiedeva giustamente prestazioni migliori”.

“Dal confronto con la Gpi”, prosegue la Direzione Asl, “è venuta fuori una incisiva riorganizzazione riguardante l’attività di prenotazione delle visite attraverso il call center col raddoppio del numero di postazioni di lavoro che passeranno dalle attuali 4 a 8”.

“Tale notevole incremento di attività avrà, come ovvia conseguenza, un ampliamento del numero di ore di lavoro e quindi un aumento del numero di operatori impegnati”.

“L’impulso dato al servizio permetterà di evadere le chiamate in arrivo in modo più veloce ed efficiente e di smaltire con maggior rapidità le operazioni agli sportelli per il pagamento del ticket”.

“Con le concrete misure adottate”, conclude la Direzione Asl, “il servizio sarà in linea con le legittime aspettative della gente e comporterà positivi riflessi per quel che riguarda i lavoratori con un maggior numero di operatori impiegati all’Aquila”.

Ma le sigle sindacali Ugl Sanità e Uil Flp avrebbero indetto un ulteriore sciopero di 48 ore, dopo quello dello scorso 12 ottobre, dei lavoratori del servizio Cup dell’ospedale dell’Aquila per le giornate del 3 e 4 novembre prossimi, contro la scellerata gestione dei lavoratori aquilani da parte della Gpi. La società, a detta dei sindacati, invierebbe i lavoratori in trasferte fuori sede, senza rimborso, e utilizzerebbe lavoratori non aquilani ‘a chiamata’ per lavorare nel centro Cup.