IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio

Rieti, scoperta Usa: Borgorose era popolata dalla preistoria

da ‘Il Messaggero’, di Sergio Silva

Rieti – Arriva dagli Stati Uniti una scoperta che riguarda il Reatino e, in particolare, il territorio di Borgorose: l’area di San Martino di Borgorose è stata abitata fin dall’epoca preistorica. Ad affermarlo è il resoconto dell’ultima campagna di scavi effettuata nel luglio scorso dagli studenti americani e dagli Usa ora sono giunte le relazioni dell’unico scavo che quest’anno si è tenuto nel Cicolano. Ed e’ paradossale che il Paese della ricerca per eccellenza, l’Italia, debba dipendere dalle iniziative oltreoceano. Lo scavo di San Martino di Torano di Borgorose è affidato da ben otto anni alla professoressa Elizabeth Colantoni del Department of Religion and Classics, della University of Rochester, che si trova nello stato di New York. L’archeologa, con i suoi ragazzi ha individuato, nel corso degli anni, nell’area retrostante la magnifica chiesa di San Martino, una villa romana sotto i resti di un piccolo cenobio medievale.

IL RAPPORTO – Quest’anno, si legge sul rapporto stilato dalla ricercatrice, è stata completata l’indagine degli strati della villa risalenti ai periodi imperiale e repubblicano giungendo così a quello preistorico del quale sono state raccolte numerose ed interessante testimonianze che gli studiosi hanno subito confrontato con i resti conservati nei musei e nei magazzini di Rieti, Alba Fucens, Avezzano e Roma. Sono stati effettuati, conclude il documento, dei test esplorativi negli spazi dell’area verde oltre gli scavi già effettuati per valutare gli interventi futuri. Molto positivo è il commento dei funzionari della Soprintendenza in quanto «lo scavo aveva fin ora riguardato la messa in luce di una villa che in età tardo antica e stata obliterata a causa di danni sismici mentre i risultati attuali lo rendono di estremo interesse in quanto, precisano in un comunicato, nell’area Cicolana è il primo caso di un sito che copre un arco cronologico così ampio da comprendere quattro epoche storiche».