IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio

L’Aquila, in 30mila al Festival della Montagna fotogallery

Successo per la seconda edizione del Festival della Montagna, che ha animato il Parco del Castello dell’Aquila nel weekend scorso. Sono state circa 30mila le persone che hanno attraversato nei tre giorni della manifestazione il villaggio della montagna, allestito con stand espositivi di enti, negozi specializzati e spazi enogastronomici e per la letteratura di montagna.

Tantissime le persone, con una imponente presenza di visitatori provenienti da fuori città e fuori regione, che hanno provato le diverse attività del villaggio, raddoppiato rispetto alla prima edizione: dal circuito di mountain bike, al big air bag park, lo slack line, le pareti per l’arrampicata, fino alle attività di orienteering per le scuole e ai dibattiti, affollatissimi, all’interno dell’Auditorium del Parco.

Dopo gli incontri con Patrick Gabarrou e Simone Moro, protagonisti venerdì e sabato, l’ultima giornata è stata dedicata alla disciplina dell’arrampicata, con il secondo Master “Festival della Montagna”, valevole per il campionato regionale di boulder. Almeno duemila persone hanno assistito alle finali in serata, mentre grandi emozioni ha regalato lo spettacolo di danza verticale dell’arrampicatore-artista francese Antoine Le Menestrel, che ha deliziato il pubblico scalando e danzando sulle pareti del Forte Spagnolo.

Il Festival della Montagna dell’Aquila ha l’obiettivo di portare la montagna in città, mostrando “in piccolo” le innumerevoli attività invernali ed estive che potrebbero garantire uno sviluppo economico sostenibile delle splendide montagne del comprensorio aquilano. Le competenze degli operatori, unita alle istituzioni, alle meraviglie naturalistiche e alla passione di chi fa della montagna il proprio lavoro, possono far crescere tutto il territorio.

«Il festival – spiegano i promotori dell’iniziativa – ha creato anche indotto turistico in città e in quota: sono stati tanti i visitatori, provenienti soprattutto dal Nord e dal Centro Italia, che hanno alloggiato in città per il fine settimana, complice anche un tempo mite e un programma di alto livello. I più di 70 visitatori prenotati per il trekking urbano e le centinaia di persone che hanno effettuato le escursioni sul Gran Sasso (e non solo) ne sono una dimostrazione. La prossima edizione dovrà aggiungere un tassello di crescita in quest’ottica: il Festival della Montagna può e deve essere utilizzato come tavolo permanente di confronto e discussione volto all’analisi del punto della situazione sulle montagne del comprensorio».