IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio

L’Aquila, Comune indagato segretario generale

Sviluppi nell’inchiesta che ha portato alla sospensione dal servizio della funzionaria del Comune dell’Aquila Patrizia Del Principe, direttore della struttura pubblica per anziani, accusata di aver chiesto denaro in cambio di appalti diretti di servizio traslochi nei confronti del titolare della Ditta Logistica & Servizi.

All’attuale coordinatore della ex Onpi, ex direttore, vengono contestati i reati di corruzione e turbata libertà del procedimento di scelta del contraente nel bando di gara indetto dal Comune proprio per il posto di direttore dell’ex Onpi a cui le stessa aspirava; per gli stessi è indagato anche il segretario generale del Comune, Carlo Pirozzolo, presidente della commissione che avrebbe favorito la funzionaria.

Secondo le accuse e secondo quanto emerso dalle indagini della Squadra Mobile, diretta da Maurilio Grasso, i due funzionari pubblici avrebbero tentato di condizionare, predeterminandone a favore di Del Principe, l’esito del concorso pubblico indetto dal Comune nel 2014.

In particolare, l’ex direttore del Csa, in scadenza di incarico al 31 dicembre 2014, «volendo riassumere la direzione della Struttura, predisponeva e consegnava al segretario, presidente della Commissione che avrebbe dovuto esaminare i concorsisti, un appunto, dalla medesima redatto in data 26 novembre 2014, sul quale era riportato un elenco di materie d’esame, confacenti alle sue conoscenze e al suo curriculum di studi e professionale».

Sempre stando all’accusa, «tali materie sono state poi effettivamente inserite dal presidente nel citato bando di concorso; inoltre Del Principe suggeriva a quest’ultimo di nominare, quale membro della commissione di concorso, un professore presso il Dipartimento di Scienze umane dell’Università degli studi di L’Aquila, suo amico, che aveva già contattato e sul cui appoggio la medesima contava».

Come contropartita ai suoi interessamenti, il segretario generale «otteneva dal direttore pro-tempore della predetta Istituzione, che indicava se stessa responsabile del procedimento, la nomina di un collaboratore, un avvocato, da impiegare in attività di natura giuridico-amministrativa, da assumere con contratto Co.co.co, presso l’ex Onpi, per la durata di un anno».