IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio

Univaq: Informatica nell’élite internazionale

Il gruppo di ingegneria del software, diretto dalla rettrice Paola Inverardi, del dipartimento di Ingegneria e scienze dell’informazione e matematica (Disim) dell’Università dell’Aquila ottiene importanti finanziamenti dalla Unione Europea per una proposta di progetto inerente le tematiche nell’area Ict (Information and Computing Technology) del competitivo programma Europeo Horizon2020 (http://ec.europa.eu/programmes/horizon2020/).

A Marco Autili e Massimo Tivoli del Disim, rispettivamente ricercatore e professore dell’Ateneo aquilano, ideatori del progetto e titolari dei fondi finanziati, è stato affidato dalla Commissione Europea il prestigioso incarico di Coordinatori Scientifici e Tecnologici dell’intero consorzio di progetto. Tra gli altri, il consorzio include, come partner accademici, l’Università dell’Aquila e Inria (Institut de recherche en informatique et en automatique) di Parigi e, come partner industriali, Thales Francia e Tirasa, una giovane e consolidata Pmi abruzzese fondata da laureati in Informatica dell’Università dell’Aquila.

Il progetto finanziato e risultato vincitore è denominato [i]CHOReVOLUTION[/i] e ha ottenuto un finanziamento globale superiore a 3 milioni di euro. [i]CHOReVOLUTION[/i] rivoluziona il modo in cui il software del prossimo futuro verrà progettato e costruito, promuovendo l’integrazione automatica di applicazioni e servizi esistenti. I risultati di [i]CHOReVOLUTION[/i] potranno dare vita ad applicazioni innovative in ambiti come, ad esempio, sistemi di trasporto intelligenti e turismo intelligente.

La Commissione Europea ha ricevuto 1645 proposte di progetto provenienti dai migliori Istituti di Ricerca e Università Europee, di cui finanziate solo 207 ovvero il 12,8%. [i]CHOReVOLUTION[/i] fa parte delle proposte vincitrici nel settore Metodi e Strumenti per lo Sviluppo del Software, per il quale la competizione è stata altissima con 74 proposte sottomesse di cui solamente 8 finanziate.

Risultato prestigioso per Autili e Tivoli che dimostra ancora una volta come il gruppo di Ingegneria del Software occupi una posizione di rilievo in campo internazionale nell’ambito dell’Informatica, la cui attività di ricerca e sviluppo negli anni si è concretizzata in considerevoli finanziamenti Europei ed importanti pubblicazioni scientifiche presso le più prestigiose conferenze e riviste internazionali di Ingegneria del Software.