IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio

Via libera ai nuovi ospedali: «Pronti 371 milioni»

Via libera «definitivo e conclusivo» dal Nucleo di valutazione del ministero della Salute alla proposta della Regione Abruzzo di realizzazione di cinque nuovi ospedali. Lo comunica l’assessore alla Programmazione sanitaria Silvio Paolucci dopo l’incontro di questa mattina a Roma, nel corso del quale i tecnici del ministero hanno valutato nel dettaglio la proposta regionale.

I contenuti della proposta saranno oggetto, a breve, dell’intesa formale che verrà sottoscritta dalla Regione con il Ministro. Il parere «positivo e definitivo» di fatto apre le porte alla fase progettuale dei nuovi ospedali di Sulmona, Avezzano, Lanciano, Giulianova e Vasto e alla ristrutturazione di quello di Penne, la cui progettazione peraltro è in fase molto avanzata.

L’intervento di edilizia sanitaria può contare su una dotazione finanziaria di 371 milioni di euro, di cui 228 di provenienza statale ex art.20.

«Siamo di fronte a un passaggio importante per la sanità regionale – ha detto l’assessore Silvio Paolucci – perché dopo un decennio fondi di natura statale di edilizia sanitaria potranno essere spesi sul territorio. E sono fondi che saranno utilizzati per migliorare l’offerta. Ma soprattutto – sottolinea Paolucci – il via libera definitivo del Ministero arriva in un momento particolarmente significativo per la programmazione sanitaria abruzzese, alle prese da un lato con l’attuazione del Decreto Lorenzin e dall’altro con la possibilità concreta di una nuova programmazione di edilizia sanitaria sul territorio. Un momento straordinario di sviluppo che coincide con i tempi di una generale riforma sanitaria destinata a migliorare l’offerta pubblica».

Con il passaggio definitivo di oggi vengono sanati i rilievi tecnici che erano stati sollevati in precedenza. Ora la parola passa alla Regione e nello specifico alle singole Asl, che dovranno presentare i progetti. Subito dopo l’intesa e, presentati i progetti, il Ministero erogherà i fondi di competenza.