IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio

L’Aquila, caro mensa l’assessora si attacca al Tar

L’ANGOLO DELL’IRONIA

Sul caro mensa l’assessore Emanuela Di Giovambattista non ‘digerisce’ il ‘piatto’ che gli ha rifilato Liris, giovane ram-pollo, che cerca (si fa per dire) di ‘cucinarla’ allo spiedo. A Emanuela, che riconosce il diritto allo studio ma non alla critica, Quintino (Liris) sta proprio sullo stomaco e succede che, tra un (buono) pasto e l’altro (saltando i rim-pasti), Lei non riesca proprio a mandarlo giù.

Normale visto che, tra l’assessora social (alle politiche) e il ram-pollo Liris (a cui qualcuno rimprovera, ma solo simpaticamente, di fare un po’ il galletto) sul caro cibo è in corso uno scontro ‘intestino’. A volte dai tratti (intestinali) più crassi, a volte più tenui ma comunque tali da rendere entrambi un po’ (ma non troppo) ‘acidi’.

Intanto, dopo aver appena ingerito l’amaro boccone dell’aumento i genitori, in Comune, fanno file interminabili come all’Expo di Milano (un’Aquila da bere..) per ritirare i buoni pasto.

Per i genitori, che devono pensare ai propri bambini, il disservizio creato dal Comune è infantile, anzi roba dell’asilo. Ai genitori, che cercavano di parlare col sindaco per avere spiegazioni, è stato detto che possono farlo tramite face book. [i]“Non è il Massimo”[/i], hanno risposto, delusi, in molti. Alla fine, tutti sono andati via digiuni di chiarimenti. (a.s.)

X