IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio

Il Cam parla ancora due lingue

I sindaci soci del Consorzio Acquedottistico Marsicano hanno scelto all’unanimità e senza indugio di mantenere il sistema dualistico. Comitato di Sorveglianza e Consiglio di Gestione continueranno, quindi, a dettare la governance della società.

È evidente che la scelta del dualistico e l’operato decisivo degli amministratori abbia ristabilito la serenità e l’equilibrio tra i sindaci che durante l’assemblea hanno tutti espresso la loro soddisfazione per una gestione che, seppur con tante difficoltà e con molto lavoro ancora da fare, sta invertendo la rotta. Ridotte le spese delle consulenze, l’obiettivo è quello di abbattere i costi dell’energia elettrica e recuperare le entrate in sospeso.

Tra gli intervenuti il sindaco di Pescina, Stefano Iulianella ha ricordato l’astensione del proprio comune per il passaggio al dualistico, oggi, invece, ha riconosciuto la validità del sistema sulla base dei quasi tre anni di gestione dello stesso e dell’esperienza positiva vissuta.

Apprezzamenti e ringraziamenti da parte dei sindaci al presidente Andrea Ziruolo e all’amministratore delegato Giuseppe Venturini che hanno comunicato la conclusione di tutte le procedure per lo sviluppo dei bandi relativi al Par Fsc per circa 13 milioni di euro.

Inoltre, Venturini ha sottolineato come la direzione vada verso una gestione unitaria del sistema idrico integrato, secondo quanto dettato dallo “Sblocca Italia”, tanto che il Cam già ha partecipato a tavoli tecnici con la Saca e la Gran Sasso Acqua S.p.a per i primi raccordi.

Durante la seduta è stato dato merito anche al presidente del Comitato di Sorveglianza, Giovanni Di Pangrazio, che nonostante gli oneri e le responsabilità che comporta un Comune come quello di Avezzano, si è impegnato ed è riuscito a ristabilire l’equilibrio tra l’organo politico e quello tecnico, restituendo tranquillità all’assemblea.

«Raggiunta la sinergia giusta per lavorare serenamente – ha dichiarato il sindaco del capoluogo della Marsica – lascerò l’incarico e convocherò tutti i sindaci neo eletti al fine di ascoltare la loro proposta e designare, così, il rappresentante del Consiglio di sorveglianza».

[url”Torna alla Home Targato Az”]http://ilcapoluogo.globalist.it/?Loid=154&categoryId=221[/url]