IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio

Italia funestata dai pirati della strada

In agosto l’Asaps (Associazione sostenitori Polstrada), ha contato 113 episodi di pirateria stradale in Italia, con 23 morti e 110 feriti.

Nei primi otto mesi dell’anno le piraterie gravi sono state 693, con 94 vittime e 797 feriti. In pratica, in agosto si sono contate quasi il 25% delle vittime mortali di due interi quadrimestri. Nell’agosto del 2014 gli episodi furono 78, con 8 morti (triplicati quindi quest’anno) e una novantina di feriti. La positività ad alcol e droga, sempre con riferimento al solo agosto, schizza al 28%, percentuale che comprende solo i fuggitivi identificati, ai quali è stato possibile effettuare la verifica con etilometro o narcotest quasi nell’immediatezza dei fatti.

Il 58,4% dei pirati da inizio anno è stato comunque identificato e nelle sole piraterie mortali il dato aumenta al 74,7 per cento. Il 26% dei pirati identificati è straniero, ma sono stranieri anche il 10% delle vittime della pirateria. Tra le vittime al primo posto i pedoni, con 49 morti, poi i ciclisti, con 11.

Tra le regioni il primato è della Lombardia (117 episodi significativi), poi Lazio con 73 (30 piraterie gravi nella sola Roma), Veneto (70), Toscana (65), Emilia-Romagna (59). Al sud la Campania registra 53 eventi, Sicilia 44, Puglia 35.

L’Asaps, con le associazioni Lorenzo Guarnieri e Gabriele Borgogni, si domanda «quanto debba ancora durare la latitanza legislativa politica sull’omicidio stradale. Un provvedimento – sottolinea Biserni – che se aggiustato nelle sue previsioni di pena, con la revoca della patente da 15 fino a 30 anni, potrebbe essere una prima risposta alla ‘impunità sostanziale’ dei pirati della strada in Italia. Ormai è una questione morale».

X