IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio

Referendum Parco, anche Pietracamela si mobilita

Dopo la presa di posizione di Assergi che aveva annunciato settimane fa un referendum per l’uscita dal Parco del Gran Sasso e Monti della Laga, anche la montagna teramana si mobilita.

E’ partita la raccolta firme da parte di Pasquale Iannetti, il referente del comitato [i]pro referendum[/i] di Pietracamela. «Nei prossimi giorni – dice – saremo pronti con gli amici di Assergi per mettere insieme le firme necessarie a chiedere il referendum. Dobbiamo cambiare il Parco perché così come si presenta non serve a nulla».

Si apre la strada che porta a un referendum consultivo per chiedere un’ altra tipologia di Parco, che condivida innanzitutto le scelte insieme ai residenti per evitare lo spopolamento o una vita incatenata alle ‘regole’ dettate dal parco che non mettono “l’uomo al centro del sistema e degli interessi”.

A L’Aquila l’iniziativa e’ stata presentata nei giorni scorsi da Luigi Faccia, direttore della scuola di sci di Assergi, che ha costituito il comitato #SaveGranSasso .

L’idea nasce dopo il veto posto dal Parco nazionale sull’istruttoria tecnica per la sostituzione degli impianti della seggiovia Fontari. Una decisione che ha generato polemiche accese e che lascia per gli operatori molti interrogativi sul futuro del Gran Sasso e sul suo sviluppo.

«Questo è il segnale dì un malcontento diffuso e generalizzato. – afferma a [i]Il Capoluogo.it[/i] Luigi Faccia. Le popolazioni sono stufe dell’inerzia e della politica integralista di conservazione del territorio adottata negli anni dal parco. Questo ha solo prodotto l’abbandono delle colture e dei territori da parte dei residenti e la mancanza completa di una politica di sviluppo socio economico delle popolazioni. Siamo solo all’inizio, infatti sono stato contattato da altri comuni che guardano con molto interesse la nostra iniziativa».