IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio

Sagra della Pizza a Cesaproba di Montereale

di Nando Giammarini

Cesaproba, una delle frazioni più popolose e laboriose nel cuore dell’Alta Valle dell’Aterno, è un paese ad alta densità di “mastri pizzettari” che hanno appreso la nobile arte frequentando i corsi negli storici e apprezzati locali della Capitale. Una per tutte la famosa pizzeria San Marco di Roma, che ha formato fior di pizzettari cesaprobani. La sagra della pizza di Cesaproba, giunta alla sua 19esima edizione, decollerà nel pieno rispetto di una tradizione ormai consolidata, i prossimi 7, 8, 9 agosto 2015.

Realizzata per la prima volta nel lontano 1996, i proventi dovevano essere utilizzati per finanziare la locale squadra di calcio, dà lustro a tutta l’Alta Valle dell’Aterno ed è diventata una delle manifestazioni culinarie più note e apprezzate in tutto il territorio della Provincia. Non credo di esagerare se parlo di kermesse gastronomica giunta alla sua 19esima edizione che contempla la trasformazione del campo sportivo in una grande pizzeria all’aperto. Qui la pizza, preparata in vari modi e cotta nei forni a legna, è la regina indiscussa, ma si servono anche diverse prelibatezze locali quali arrosticini, bruschette e altro. Il tutto annafiato da ottimi rossi, bianchi e birra fresca alla spina servita al tavolo.

Anno dopo anno la sagra dell’Alta Valle dell’Aterno è aumentata con andamento esponenziale, tanto da essere annoverata come una delle più grandi sagre d’Abruzzo cui partecipano persone anche dal Centro Italia. A prescindere da quelli che sono i risultati e gli introiti, sebbene notevoli, è bello vedere i tanti giovani che si alternano di corsa tra i vari tavoli: chi serve, chi apparecchia, chi in un batter d’occhi prepara nuovamente per i “clienti” successivi.

Nel corso delle tre serate ci saranno una serie attrazioni culturali quali la discoteca all’aperto per i giovani dopo mezzanotte, un’orchestrina che allieterà la serata con la sua musica e la solita giostra gratis per i più piccoli.

Una vera Comunità unita, coesa e operosa. Un modo di concepire una forma di turismo puntando sulle capacità attrattive offerte dal territorio con i suoi spazi e la voglia di fare di tanti giovani e meno giovani che tengono al Paese e si impegnano a tenerlo vivo facendolo conoscere oltre i propri limiti geografici. Ancora oggi attraverso il sentimento dell’unità del paese – che auguriamoci non finisca mai – insieme alla passione per costruire occasioni di partecipazione per il bene di tutti induce intere famiglie a collaborare, ognuno per quanto di sua competenza, in un suggestivo scenario.

L’Alta Valle dell’Aterno con le sue bellezze paesaggistiche e della natura unitamente ai tanti agriturismi dove si degustano prelibatezze montane di ogni genere e le varie feste patronali offrono una serie di appuntamenti all’insegna del divertimento e della spensieratezza. Formulo agli organizzatori e a tutti coloro che sono impegnati nella realizzazione dell’evento gli auguri di ogni successo.